Cronaca

Piantagioni di marijuana in Appennino: l'Arma arresta sei 'coltivatori'

I cosiddetti servizi ad “Alto Impatto” dei Carabinieri porta buoni frutti anche nel territorio collinare e sull'Appennino

Foto archivio

I cosiddetti servizi ad “Alto Impatto” dei Carabinieri porta buoni frutti anche nel territorio collinare e  sull'Appennino. 

Dalla fine dell'estate l'Arma ha sequestrato diverse pinatangioni di marijuana e arrestato sei persone.

Il 15 settembre, i militari della Stazione di Lizzano in Belvedere, hanno arreatato un bolognese che aveva allestito una piantagione di circa 70 piante, in un appezzamento boschivo dell’Appennino preso in affitto. Due settimane prima, il 31 agosto, il personale dell’Aliquota Operativa di Vergato e della Stazione di Gaggio Montano, traevano in arresto, a Gaggio Montano,  una coppia  che aveva avviato una piantagione di Marijuana. 

E ancora, il 10 agosto, i militari della Stazione di Castel di Casio hanno messo le manette a due giovani del posto che, in una zona boschiva della zona, avevano impiantato una piantagione di 80 piante di  Marijuana e detenevano per lo spaccio 350 grammi si sostanza già pronta. In ultimo il 20 ottobre, i Carabinieri della Stazione di Castel di Casio hanno messo le manette a giovane del posto che aveva avviato, nel bosco della zona, una piantagione di Marijuana. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piantagioni di marijuana in Appennino: l'Arma arresta sei 'coltivatori'

BolognaToday è in caricamento