Protesta al Corno alle Scale contro la seggiovia: "Soldi sprecati"

Domenica 20 settembre la manifestazione ambientalista in Appenino

Una manifestazione al Corno alle Scale per dire no alla nuova seggiovia. Le associazioni ambientaliste, in testa Wwf e Legambiente, protesteranno il 20 settembre nella stazione sciistica dell'Appennino bolognese "contro un cantiere devastante che mette a serio rischio l'ambiente di Corno alle Scale".

Nel mirino la nuova seggiovia a sei posti prevista tra il parcheggio delle Polle e il lago Scaffaiolo. "Sette milioni di euro, più i costi di demolizione e rinaturazione, per smantellare una seggiovia esistente, funzionante e costruirne un'altra sullo stesso tracciato ma prolungato di 200 metri verso il lago Scaffaiolo", si legge nel volantino della manifestazione.

"Denaro pubblico sprecato - lo definiscono i promotori - in un momento di grave crisi economica, per una stazione sciistica i cui debiti sono stati ripianati con risorse pubbliche". Infatti, "già da diversi anni, il surriscaldamento globale non consente la pratica dello sci, sotto i 1.800 metri, in modo sostenibile. Con questa seggiovia si distrugge per sempre l'unica vera risorsa della popolazione locale, l'ambiente e il paesaggio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento