Cronaca Centro Storico / Via Rizzoli

Arriva il nuovo iPhone6, in fila da ore lungo via Rizzoli: "Sono il primo per la quinta volta"

Sono accampati da ore in via Rizzoli e aspettano le otto del mattino per acquistare l'iPhone6, l'ultimo arrivato in casa Apple. Tutti giovanissimi e innamorati della "mela"

Una scena già vista, anche se questa volta a dire il vero è un po' sottotono. Sono i ragazzi accampati con sedie da campeggio e scorte alimentari in attesa che all'Apple store di via Rizzoli arrivi l'ora di apertura (le otto del mattino) per acquistare (finalmente) il nuovo modello di iPhone, l'iPhone6. Il primo della fila, Andrea, è da 5 anni che arriva in pole position allo store bolognese: in sostanza, per ogni nuova uscita firmata dalla mela, lui è sempre stato il primo acquirente del negozio sotto le Due Torri.

SI VENDE QUELLO VECCHIO E CON 'SOLO' 200 EURO IN PIU'...Età media 20 anni, qualcuno è anche minorenne. Ma dove li prendete alla vostra età 700 euro? Quasi tutti rispondono allo stesso modo: "Ho venduto il modello precedente e aggiungendo solo 200 euro posso acquistare il nuovo modello". Ma facendo due conti, se per il primo iPhone sono stati spesi circa 500 euro (all'età di 16 anni) aggiungendo per 5 anni 200 euro per il modello sempre più recente, il totale fa 1.500 euro.

16 ORE DI FILA PER L'IPHONE. Un altro Andrea in fila, quasi maggiorenne e modenese: "Sono qui perchè l'iPhone mi piace. Ho già venduto quello che avevo (in mano ha il cellulare dell'amico, prestato per una telefonata) e domattina, all'apertura del negozio ne acquisterò uno per me e uno per un amico. Sono qui dalle quattro di questo pomeriggio e domattina salterò la scuola".

CONTESTAZIONI DI QUALCHE PASSANTE. C'è anche chi passando per via Rizzoli e vedendo la fila non si trattiene dal criticare i ragazzi in fila: "Siete schiavi del consumismo!" gridano dei passanti coetanei dei giovani in attesa. E questa è la critica più educata, le altre sono un po' più offensive. Vogliamo ricordare quello che alcuni ragazzi armati allegramente di una bottiglia di vino avevano detto agli Apple-addicted che l'anno scorso si sono accampati per ore per l'iPad: "Più cabernet, meno Internet!"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva il nuovo iPhone6, in fila da ore lungo via Rizzoli: "Sono il primo per la quinta volta"

BolognaToday è in caricamento