Benessere o cura? Le aree di intervento dell’ortoterapia

Ass.I.Ort - Associazione Italiana Ortoterapia in collaborazione con Fondazione Villa Ghigi organizza a Bologna il 25/11/2017 il 3° Congresso Nazionale dedicato all'Ortoterapia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Da qualche anno, anche in Italia, l’Ortoterapia va assumendo un ruolo sempre più importante nell’ambito delle attività di supporto per le persone con disagi/disabilità o che hanno avuto storie di marginalità e svantaggio. L’Ortoterapia può essere considerato un termine di «sintesi», il più adatto ed il più completo nel comprendere e unificare le caratteristiche dell’Orticoltura Terapeutica con quelle della Terapia Orticolturale. L’uso di tale termine viene sostenuto e promosso dall’Associazione Italiana di Ortoterapia (Ass.I.Ort.), che ne sta proponendo sia la conoscenza dei temi che la diffusione delle pratiche, nei vari ambiti di impiego nella considerazione delle due aree di efficacia rappresentate sia dal benessere che dalla cura della persona. E’ opportuno considerare come l’area del benessere sia più specificamente rappresentata da tutti gli ambiti dell’interesse operativo inerenti la ri/socializzazione oltre che dello “star bene” per quanto riguarda la situazione psicofisica, cosa questa che rappresenta una sorta di denominatore comune per le attività con il verde. All’area della cura, nell’accezione più vasta e comprensiva del termine, fanno invece uno specifico riferimento le attività psicoeducative, di ri/abilitazione e quelle di inclusione sociale. Fino ad ora si sono dedicati all’Ortoterapia educatori con una particolare passione per il verde oppure agronomi con particolare sensibilità nei confronti del «sociale»: è necessaria, però, una figura di operatore “cerniera” con tutte le conoscenze, le competenze e le abilità che riguardino sia le aree della psicopedagogia, della psicologia, della psichiatria e della ri/abilitazione che quelle dell’agronomia, della botanica e dell’agricoltura in senso lato. La creazione di questa figura è, peraltro strettamente connessa al riconoscimento ufficiale della validità e dell’efficacia dell’intervento ortoterapico: ambito nel quale la Associazione Italiana di Ortoterapia (Ass.I.Ort) si sta da tempo muovendo. Nel frattempo, Ass.I.Ort continua a promuovere conoscenza e preparazione specifica grazie alla promozione di una vasta gamma di presentazioni di questi argomenti: oltre all’annuale Congresso Nazionale, vengono organizzati incontri, seminari, corsi e convegni locali, presenzia ad eventi in cui sia possibile una testimonianza della propria attività ed offre la possibilità di consulenze e supervisioni. Sono stati richiesti gli ECM - Quota iscrizione 40euro (per i soci 30 euro) Programma e iscrizioni su: www.assiort.it Info: comunicazione@assiort.it

Torna su
BolognaToday è in caricamento