Cronaca

Morte di Armando Gasiani: la camera ardente al Parri

Merola: "E' riuscito a sopravvivere trasformando un dolore a lungo vissuto nel privato in forza del racconto"

Sarà allestita e aperta domani, martedì 13 luglio, dalle 16 alle 17.30 la camera ardente per l'ex partigiano deportato Armando Gasiani, già presidente onorario Aned, morto venerdì 9 luglio a 94 anni. La sala per lasciare l'ultimo ricordo sarà quelle dell'ex refettorio dell’Istituto storico Parri di Bologna (via Sant’Isaia 20).

Alle 17.30 è prevista una cerimonia di congedo con interventi, tra gli altri, del Sindaco Virginio Merola, dell'assessore della Regione Emilia-Romagna Irene Priolo, della presidente di Anpi Anna Cocchi, dei rappresentanti di Aned Fabrizio Tosi (presidente della sezione di Bologna) e Mauro Borsarini. Sarà presente il civico Gonfalone.

Il Sindaco di Bologna Virginio Merola ha ricordato Gasiani all’inizio della seduta del Consiglio comunale:

"Armando Gasiani ci ha lasciato ma la sua testimonianza vivrà per sempre -ha ricordato il sindaco- Rendo omaggio a una grande persona, un uomo che ha attraversato le tenebre del Novecento ed è riuscito a sopravvivere trasformando un dolore a lungo vissuto nel privato in forza del racconto".
 

Gasiani, nome di battaglia «Bolero», classe 1927, iniziò ad avvicinarsi alla Resistenza tra il '43 e il '44. Proprio alla fine del '44, a 17 anni, insieme con il fratello Serafino (non sopravvissuto) e con centinaia di persone venne rastrellato dalle truppe naziste. Deportato nel campo di concentramento di Bolzano e poi a Mauthausen (Austria), Gasiani rimase internato fino al 6 maggio 1945. Ne seguì un lungo periodo di silenzio sui fatti occorsi, fino all'inizio della collaborazione con gli istituti scolastici per tramandare l'esperienza storica ai ragazzi di quanto vissuto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte di Armando Gasiani: la camera ardente al Parri

BolognaToday è in caricamento