Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Imola

Prelievi al bancomat dal conto dell'anziana che accudiva: arrestata domestica

Una nonna tutt'altro che disattenta: quando si è accorta degli ammanchi, tutti registrati nelle ore di servizio della sua domestica, ha allertato i Carabinieri. La donna si era impossessata del pin del bancomat

Un conto corrente che giorno dopo giorno registrava delle sottrazioni di denaro notevoli (fino a 1.200 euro) e una 90enne particolarmente attenta: così arriva ai Carabinieri di Imola la segnalazione sfociata poi nell'arresto della domestica della donna. La denuncia dettagliata ai militari da parte dell'anziana signora ha consentito di indirizzare le indagini sulla collaboratrice che ogni pomeriggio si recava nell’abitazione del centro cittadino della signora per accudirla e per svolgere talune mansioni di casa.

"Vado a buttare il pattume": e invece andava a prelevare denaro dal conto nella 90enne 

I prelievi avvenivano però tutti sempre nell’arco orario pomeridiano, tra le 15 e le 17, proprio mentre la governante, una quarantottenne dell’est Europa incensurata, si trovava effettivamente impegnata nelle faccende casalinghe. Ma è stata l’anziana signora ad evidenziare un particolare utilissimo ai militari: ogni pomeriggio la domestica usciva a buttare l’immondizia, ed è stata quella consueta scusa, anche ieri, ad incastrarla.

Allo sportello del bancomat con il PIN scritto su un foglietto 

Infatti i Carabinieri della Stazione di Imolahanno atteso che la malintenzionata scendesse in strada, hanno verificato che si recasse al bancomat e, prima che inserisse la tessera dell’anziana, l’hanno fermata, trovandola in possesso anche del biglietto contenente il numero di pin corrispondente al bancomat della vittima, per poi trovarle a casa, estendendo la perquisizione, diversi profumi nuovi ed altri prodotti acquistati nel mese di settembre e regolarmente tracciati dai “pos”.

L'arresto in flagranza di reato: l'aggravante è l'età della sua vittima 

La domestica è stata arrestata in flagranza per i reati continuati di furto in abitazione aggravato dall’aver agito “approfittando di circostanze di persona – in riferimento all’età – tali da ostacolare la privata difesa” e per tentato indebito utilizzo di carta di credito, su disposizione del magistrato di turno della Procura della Repubblica di Bologna, dott.ssa Poggioli.
La signora novantenne è tornata finalmente in possesso del proprio bancomat (che i Carabinieri hanno provveduto a farle sostituire in banca per motivi di sicurezza) e si è rimpossessata anche della propria legittima serenità.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prelievi al bancomat dal conto dell'anziana che accudiva: arrestata domestica

BolognaToday è in caricamento