rotate-mobile
Cronaca Zona Universitaria / Piazza Giuseppe Verdi

Spacciatori 'disturbati' sul lavoro, picchiano i Carabinieri aiutati da una donna

I due pusher hanno tentato inutilmente la fuga, per poi passare maniere forti picchiando i militari. La moglie di uno dei due ha tentato di difenderli peggiorando la situazione

Nuovi arresti per spaccio in Piazza Verdi per mano dei Carabinieri, nel corso di un servizio antidroga in zona universitaria: le manette sono scattate per due giovani di origine marocchine, un 26enne e un 33enne, per concorso in spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale.

I due spacciatori sono stati visti in Piazza Verdi mentre vendevano della droga a un ragazzo. Alla vista dei Carabinieri, che si stavano avvicinando per procedere all’arresto, i due pusher, consapevoli di finire in manette, hanno tentato la fuga, ma non ci sono riusciti, così sono passati alle maniere forti picchiando i militari, ma hanno ulteriormente fallito nell’impresa, nonostante l’intervento violento di una terza persona.

Questa persona è la moglie del 33enne, che invece di calmare il marito lo ha difeso: è stata identificata anche lei e si tratta di una 41enne inglese, residente a Bologna. Arrestata per concorso in resistenza a pubblico ufficiale.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, i tre soggetti, tutti con precedenti di polizia, sono tati tradotti ieri mattina (i fatti risalgono a vennerdì notte) nelle aule giudiziarie del Tribunale di Bologna per l’udienza di convalida dell’arresto, mentre l’acquirente, identificato in uno studente italiano 20enne, è stato segnalato alla Prefettura di Bologna per uso personale di sostanze stupefacenti. L’attività dei Carabinieri ha portato al sequestro di circa una ventina di grammi tra marijuana e hashish.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spacciatori 'disturbati' sul lavoro, picchiano i Carabinieri aiutati da una donna

BolognaToday è in caricamento