Maxi-operazione all'alba: 19 arresti, 10 Kg di droga sequestrati, 4500 episodi di spaccio documentati

Le manette scattano anche a Bologna. A Castenaso uno dei fornitori del gruppo

Dalle prime ore del mattino, anche nella provincia di Bologna, oltre che in quele di Modena, Reggio Emilia, Mantova e Biella, è in corso un’operazione antidroga. Sono 19 i provvedimenti di ordinanza di custodia cautelare in carcere in corso di esecuzione. Le accuse sono di concorso nella detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La banda sarebbe composta da cittadini nord africani.

A Castenaso uno dei fornitori del gruppo

Nelle prime di ore di questa mattina, nell’ambito dell’attività antidroga denominata “Tiger,” i militari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti  di 19 persone, tutti cittadini magrebini, otto dei quali non in regola sul territorio nazionale, ritenuti responsabili di concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Da quanto si apprende, uno degli arrestati, faceva base a Castenaso, nella provincia felsinea. Dalle risultanze investigative sarebbe stato  uno dei principali fornitori per il gruppo che spacciava in prevalenza nella zona di Sassuolo (MO).

L’indagine, intrapresa dal mese di ottobre 2019, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, ha consentito - rtiferiscono gli investigatori - "di disvelare l’esistenza di una vasta rete di spaccio, con gruppi collegati fra loro, operativa prevalentemente nelle città di Sassuolo, Modena e Carpi ma con propaggini anche a Mantova, Reggio Emilia e Bologna, in grado di movimentare ingenti quantitativi di hashish e cocaina, destinati al rifornimento di un vasto bacino di clienti".   

Gli indagati - aggiungono i militari-  al fine di eludere i controlli di polizia, utilizzavano applicativi della rete Internet sui quali si esprimevano con linguaggio codificato  e occultando lo stupefacente all’interno dei veicoli nella loro disponibilità.

10 Kg di droga, giro d'affari da 5 mln, 4500 episodi di spaccio 

L’operazione ha permesso di rintracciare ed arrestare finora 16 dei 19 indagati; per uno di questi, oltre all’esecuzione della misura cautelare, è scattato anche l’arresto in flagranza di reato di detenzione ai fini di spaccio poiché durante la perquisizione, è stato trovato in possesso di 17 dosi di cocaina pari a grammi 13 oltre a 505 euro ritenuto provento dell’attività delittuosa.  Nel corso delle pregresse attività investigative, erano state arrestate in flagranza di reato 18 persone, 2 denunciate a piede libero, e numerosi acquirenti sono stati segnalati amministrativamente in qualità di assuntori. 

Il quantitativo complessivo di sostanza stupefacente sequestrato è di oltre 10 Kg tra marijuana, hashish  e cocaina; 127.000,00 euro sono stati i contanti sequestrati nel corso di tutta l’indagine ritenuti provento dell’attività delittuosa.
L’indagine ha permesso di documentare 4500 episodi di spaccio con la movimentazione di circa 47 Kg di stupefacente, per un complessivo giro di affari ipotizzato di oltre 5 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

  • Bocciata alla maturità in Dad: Tar le dà ragione, esame da rifare

Torna su
BolognaToday è in caricamento