Cronaca Stazione

Ingeriscono 300 ovuli di droga, poi si sentono male: due arresti in stazione

Il tutto è successo durante alcuni controlli della guardia di finanza

Due cittadini nigeriani sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza di Bologna per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. I due avevano nascosto e ingerito circa 2 kg di eroina e 1,3 kg di cocaina occultati all’interno di 272 ovuli.

I fatti sabato scorso, 13 settembre. Il tutto è partito da una serie di controlli, tesi al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, presso la stazione Centrale ferroviaria di Bologna. Alla vista dei finanzieri, i due nigeriani hanno subito mostrato nervosismo e, una volta condotti negli uffici per gli accertamenti del caso, hanno iniziato ad accusare dolori addominali.

Sottoposti a radiografia in ospedale, i militari hanno avuto conferma, recuperato e sottoposto a sequestro un quantitativo ingente di eroina e cocaina. Gli arrestati, una volta dimessi dall’ospedale, sono stati tradotti presso la casa circondariale di Bologna a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Le operazioni di servizio svolte presso la stazione ferroviaria di Bologna sono avvenute in collaborazione con il personale della Polizia Ferroviaria del capoluogo felsineo.

L’attività ispettiva, condotta dai finanzieri del 2° Nucleo Operativo Metropolitano di Bologna, testimonia l’impegno della Guardia di Finanza che, anche attraverso la repressione degli illeciti traffici di sostanze stupefacenti, oltre a tutelare la salute dei cittadini, combatte uno dei più proficui canali di approvvigionamento di capitali delle organizzazioni criminali, ponendosi quale sicuro punto di riferimento per la collettività.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ingeriscono 300 ovuli di droga, poi si sentono male: due arresti in stazione

BolognaToday è in caricamento