menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto archivio

foto archivio

Spaccio, agenti in borghese arrestano quattro pusher in zona universitaria

L'operazione della Squadra mobile fa parte del nuovo "controllo dinamico" in piazza Verdi e in tutta la zona universitaria, deciso dal comitato per l'ordine e la sicurezza

Quattro arresti e una denuncia per detenzione ai fini di spaccio: questo l'esito di un'attività di controllo in zona universitaria svolta nel pomeriggio e nella serata di giovedì dagli agenti in borghese della Squadra mobile di Bologna. I cinque pusher sono, nel dettaglio, due gambiani, un senegalese, un tunisino e un liberiano, tutti irregolari sul territorio e con precedenti specifici.

Il primo ad essere arrestato è stato il tunisino, un 37enne, sorpreso in piazza Aldrovandi mentre cedeva un grammo di hashish a un 30enne italiano. Addosso il pusher aveva altri tre grammi della stessa sostanza, motivo per cui è stato arrestato e sottoposto ieri, al termine del processo per direttissima, al divieto di dimora.

Dopo di lui è toccato a un 32enne gambiano, preso mentre vendeva cinque grammi di marijuana in via Marsala. Gli agenti, che lo tenevano d'occhio, hanno anche trovato, un po' addosso a lui e un po' all'interno di un'auto, altri 25 grammi di marijuana e 90 euro. Anche per lui è stato disposto il divieto di dimora.

Il terzo arrestato è un 45enne senegalese, controllato in via Zamboni e trovato in possesso di cinque grammi di marijuana e 50 euro, e sottoposto, come gli altri due, al divieto di dimora.

È stato invece disposto l'obbligo di firma nei confronti di un 22enne gambiano, notato in piazza Verdi mentre avvicinava diverse persone e poi controllato. Addosso i poliziotti gli hanno trovato 11 grammi di marijuana, nascosti in una sorta di marsupio ricavato all'interno dei jeans, due bustine contenenti circa tre grammi di marijuana e hashish e altri tre grammi di hashish.

L'operazione fa parte del nuovo "controllo dinamico" in piazza Verdi e in tutta la zona universitaria, deciso dal comitato per l'ordine e la sicurezza, su input dell'assessore Alberto Aitini, che prevede appunto l'azione di agenti in borghese per contrastare lo spaccio e il consumo di droghe.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

L'Oroscopo di marzo segno per segno: ecco cosa prevedono gli astri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento