menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marconi: si finge giornalista ma è un latitante

Arrestato dall'ufficio di Frontiera della Polizia un uomo di 63 anni

Asseriva di essere il giornalista di una emittente televisiva cinese ma era un latitante accusato di banca rotta fraudolenta.  A essere rintracciato e identificato dal persone dell’Ufficio di Frontiera della Polizia di Stato in servizio presso l’Aeroporto Marconi di Bologna,  un cittadino cinese di 63 anni, atterrato com un aereo proveniente da Istanbul.

Il 63enne, fermato durante un normale controllo mirato al contrasto dell'immigrazione clandestina, aveva dichiarato di essere un giornalista, edibendo un valido passaporto ordinario appena emesso dalle autorità cinesi, e una carta di soggiorno a tempo indeterminato rilasciata dalla Questura di Prato.

In seguito ad approfonditi accertamenti, è emerso che l'uomo era irreperibile da oltre 2 anni,  e sulla sua testa pendeva un ordine di carcerazione di 3 anni , per essersi reso responsabile nel 2009 del reato di bancarotta fraudolenta: ordine emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pistoia.

Una volta accertata l'identità dell'uomo, il 63enne è stato trasferito cnella casa circondariale di Bologna a disposizione dell'Autorità giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

Salute

Più sedentari causa smartworking e Dad. La personal trainer "L'esercizio fisico è un 'farmaco', può previene malattie croniche"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento