menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arresto Zaki, Di Maio: "Abbiamo a cuore il caso e lo seguiamo"

Così il ministro degli Esteri durante la conferenza stampa sul centro meteo/tecnopolo

"Sui diritti umani non si arretra: vale  per per Zaki, per Regeni per Paciolla e altri connazionali in situazioni di ingiusta detenzione". Lo sottolinea il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, durante una conferenza stampa a Bologna con Stefano Bonaccini sullo stato dei lavori del Centro Meteo Europeo e il tecnopolo. "Nell'ultimo anno abbiamo riportato a casa tutti i connazionali rapiti. Patrik zaki è cittadino egiziano ma abbiamo a cuore il caso e lo seguiamo con la massima attenzione". E il ministro precisa: "Lavorare in silenzio non significa non lavorare, lo abbiamo fatto per i pescatori, per i rapiti e lo faremo per Zaki".

Di Regeni si parlerà, su iniziativa dell'Italia, il 25 gennaio al Consiglio degli Affari esteri dell'Ue. "Lavoreremo ad una discussione che permetterà e darà l'occasione a tutti gli stati membri di prendere posizione su Giulio Regeni", sottolinea ancora il ministro. Bonaccini accoglie quelle di Di Maio come "parole confortanti rispetto a quello che qui ci attendiamo sia per Giulio Regeni come per Patrick Zaki, che consideriamo un componente della nostra comunità", visto che era studente all'Università di Bologna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento