menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arresto Zaky, oggi il corteo con Comune, Unibo e Sardine per la liberazione

Cia saranno anche le Sardine bolognesi. Bocciata la richiesta di scarcerazione, il procuratore egiziano nega la tortura

Parte oggi lunedì 17 febbraio alle 18 il corteo in sostegno a Patrick Zaky, lo studente egiziano in soggiorno di studi a Bologna, arrestato a inizio mese dalle autorità del paese africano dopo il rientro in patria. La manifestazione inizia davanti al rettorato di via Zamboni, pe raggiungere piazza Maggiore.

A partecipare al corteo, oltre ad amici e studenti, ci saranno anche esponenti l'università stessa e i gonfaloni del Comune, con il rettore Ubertini e il sindaco Merola. Il giovane di 27 anni resta detenuto in un commissariato di polizia di Mansura, dopo che il tribunale egiziano venerdì scorso ha respinto l'istanza degli avvocati per la scarcerazione.

MANIFESTAZIONI PER ZAKY PURE IN SPAGNA-OLANDA-UK-POLONIA-UNGHERIA

A sostegno dello studente egiziano arrestato a Il Cairo nei giorni scorsi scenderanno in strada anche gli altri sei atenei europei che, insieme all'Alma Mater di Bologna, aderiscono al consorzio 'Gemma' da cui nasce il master a cui è' iscritto Zaky. Al grande corteo di Bologna, dunque,  ci saranno in contemporanea anche iniziative pubbliche di solidarietà organizzate dalle Università spagnole di Granada e Oviedo, dall'Ateneo di Utrecht in Olanda, dall'Universita' di Lódz in Polonia, dall'Ateneo di York in Gran Bretagna e dalla Central european university in Ungheria. I sette Atenei che collaborano al master 'Erasmus mundus' in studi di genere e delle donne, sottolinea l'Alma Mater, "si uniscono quindi in un grande evento europeo aperto a tutti per manifestare solidarieta' a Patrick Zaky, chiedendo con forza che i suoi diritti vengano rispettati e che possa tornare al piu' presto a frequentare le aule universitarie".

Zaky anche gli attacchi sui social: "Da Unibo borse di studio ai ricercati"

Le imputazioni a carico di Zaky sono pesantissime, in sostanza l'accusa è di sovversione, e secondo i legali del ragazzo sembra che tutto sia attribuibile al rilancio via social di alcune incitazioni alla protesta riprendendo quelle di un noto imprenditore, ma ci sarebbero alcune incongruenze, prima tra tutte quelle che i post incriminati sarebbero partiti da un account fasullo, non quello utilizzato da Zaky. E mentre il procuratore che istruisce il caso ha fatto sapere che Zaky non ha testimoniato di aver subito torture, l'appello per chiedere la liberazione è rilanciato anche dalle sardine bolognesi, che saranno presenti al corteo sotto le Torri.

Presidio in piazza Scaravilli per lo studente arrestato: "Vogliamo il rilascio di Patrick subito" | VIDEO [

Ieri sera, durante la trasmissione Che tempo che fa il rettore Ubertini è stato ospite da Fabio Fazio su Raidue. "L'università si è mossa compatta- ha dichiarato Ubertini- la comunità studentesca, i professori, il personale tecnico amministrativo, ci siamo mossi per star vicino a Patrick fin dal primo momento e rimarremo vicino a lui fin tanto che ritornerà a frequentare le nostre aule. Lui è un membro della nostra comunità, è uno studente europeo, il Master che frequenta è un Master finanziato dalla comunità europea e noi saremo al suo fianco fino a che non tornerà

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento