Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Saldi per i comunali sull’abbonamento Atc: “E a noi i ticket più salati”

Approvata la delibera in Giunta: sconti Atc per i dipendenti comunali. Ma ai cittadini che pagano oltre 300 euro di abbonamento questo non va giù: "Noi l'auto non l'abbiamo neanche"

Palazzo d’Accursio ha annunciato una tariffa ultra-agevolata nei trasporti pubblici per i suoi dipendenti: abbonamento annuale a 165 euro e l’incentivo di lasciare a casa l’auto inquinando di meno. Andrea Colombo commenta questa scelta sottolineando che: “Nel momento in cui la giunta chiede ai cittadini di usare il trasporto pubblico, e' giusto che dia il buon esempio con i propri dipendenti". Ma questo “incentivone” non piace a chi deve pagare l’abbonamento annuale: ben 311 euro (201 per gli ultra 70enni e 231 per gli studenti sotto i 30 anni) e tariffe non certo economiche per i singoli titoli di viaggio, che arrivano a 1,50 euro se  acquistati a bordo.

CITTADINI COMUNI E NON COMUNALI. Alla fermata del 25 in Strada Maggiore si discute della questione e Bologna Today chiede un commento ai viaggiatori abituali Atc: “Ma era proprio necessario? Il Comune non è in ristrettezze economiche? – osserva Giulia, 34 anni, insegnante della scuola primaria che non possiede neppure l’auto – potrebbero invogliare tutti i bolognesi a usare l’autobus abbassando i prezzi o semplicemente prolungando la durata del biglietto: un incentivo a costo zero!”.

FAI PASSARE IL BIGLIETTO. Una soluzione al caro trasporti arriva da Facebok, sul profilo Bologna: facciamo girare i biglietti del bus, come suggerisce Mauro, studente fuori sede di Scienze Politiche al terzo anno. Ecco la proposta: premesso che il biglietto dell'autobus non è personale e può essere utilizzato su tutte le linee urbane anche più volte, entro il tempo di un'ora dalla prima timbratura perché buttarlo dopo la corsa se ancora valido? Questo il consiglio del gruppo: “Se ognuno di noi, scendendo, regala il proprio biglietto a una persona alla fermata, tutti i biglietti verranno sfruttati a pieno fino alla loro scadenza e tutti noi risparmieremo soldi ogni giorno. Passare il biglietto a qualcuno è perfettamente LEGALE e non provoca danni a nessuno, anzi: incentiva le persone ad usare i mezzi pubblici. Così ci saranno meno furbi che salgono sul bus senza biglietto, e meno macchine in giro ad inquinare l'aria e intasare il traffico. Diffondiamo il più possibile questa iniziativa e cominciamo subito a metterla in pratica: in breve tempo diventerà un'abitudine con tanti benefici per tutti”.

L’ATTO E IL BILANCIO. Ecco cosa riporta l’atto sulle agevolazioni ai dipendenti comunali: Dai circa 650 dipendenti coinvolti che possedevano l'abbonamento annuale prima dell'attuazione delle convenzioni si e' passati ai 1.625 per il 2011 su un totale di circa 5.000 potenziali aventi diritto, contribuendo cosi' in maniera non secondaria alla fidelizzazione dell'uso del Tpl (trasporto pubblico locali). Dei 620.000 euro stanziati per l'operazione, 220.000 peseranno sul bilancio 2012, mentre 400.000 sono stati recuperati attraverso una variazione di cassa sul 2011.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saldi per i comunali sull’abbonamento Atc: “E a noi i ticket più salati”

BolognaToday è in caricamento