menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Auto perennemente sulla ciclabile: 'Ciclisti in pericolo e anche insultati'

La segnalazione da Porta Sant'Isaia: "E' pericoloso ed è stato più volte segnalato all'URP. Quanto l'istituzione si preoccupa della salute dei cittadini?"

La pista ciclabile ci sarebbe anche, ma è perennemente occupata dalle auto: la segnalazione arriva da Porta Sant'Isaia, nei pressi del liceo Malpighi, e la situazione è molto pericolosa per i ciclisti che rischiano sistematicamente di essere travolti dai veicoli che svoltano a sinistra e che spesso e volentieri non utilizzerebbero neppure la freccia. 

«Segnalo per l'ennesima volta la situazione di criticità nel pezzetto di ciclabile di porta Sant'Isaia - denuncia la cittadina L.H.- che molto spesso è occupata da auto, soprattutto in concomitanza con l'uscita da scuola del vicino Liceo Malpighi. Non solo. La pista che dovrebbe essere riservata ai ciclisti è sovente occupata anche da mezzi per il carico/scarico, merci e persone. In definitiva è quasi sempre inutilizzabile con grave pericolo per i ciclisti, costretti ad andare sula corsia riservata alle auto che svoltano a sinistra e che spesso non lo segnalano neppure». 

«Ho già fatto presente più volte sia all'URP che al Quartiere Porto-Saragozza la situazione senza risultati apprezzabili. Mi chiedo se noi ciclisti abbiano solo doveri e non diritti. In particolare accade, quando faccio notare agli automobilisti che stanno occupando la ciclabile, di essere insultata in modo violento. Questa è la dimostrazione  non solo dell'ineducazione delle persone ma anche di quanto l'istituzione si preoccupa della salute dei cittadini , in questo caso ciclisti, che non sono tutelati nei loro percorsi». 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come trasformare una finestra in un piccolo balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento