menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Auto con targhe straniere, 'furbetti' stanati dalla Finanza: sequestri a Casalecchio

Due persone denunciate al termine di un servizio iniziato da un controllo di carattere fiscale nei confronti di un'azienda del Center Gross. Alla luce 'trucchetti' per pagare meno l'assicurazione auto e sottrarsi alle violazioni del codice della strada

Vita difficile per i “furbetti” in possesso di auto con targa estera. Polizia stradale e Guardia di Finanza hanno "stanato" due persone per ricettazione.

Capita sempre più spesso di vedere circolare per le nostre strade auto, anche di grossa cilindrata, provviste di targhe straniere. Proprio questa anomalia ha portato la polizia stradale di Bologna e il nucleo Polizia tributaria della Guardia di Finanza del capoluogo emiliano, in stretta sinergia e fattiva collaborazione, ad accedere ad un capannone nella zona industriale di Casalecchio.
A seguito dell’attività sono stati rinvenuti 10 veicoli, alcuni con targhe bulgare, altri senza targa, nonchè altro materiale di dubbia provenienza per uso industriale (torni e macchinari vari). I primi accertamenti sugli autoveicoli hanno portato alla luce due vetture di provenienza furtiva: una Range Rover Evoque ed una Fiat Freemont. Dubbi anche per due Audi. infatti gli identificativi di una A3 non risultano presenti in alcuna banca dati, per cui si sospetta che possano essere stati alterati e la carta di circolazione di una Audi A4 S4, rinvenuta priva di targhe, è risultata falsificata. Le auto e un ulteriore veicolo, unitamente al capannone dove erano state concentrate, sono state sottoposte a sequestro. Proseguono gli accertamenti, aggiorna la GDF,  per verificare il legittimo possesso degli altri beni rinvenuti.

Il servizio ha tratto origine da un controllo di carattere fiscale eseguito dai militari della guardia di finanza appartenenti al nucleo pt del capoluogo felsineo nei confronti di un’azienda del Center Gross di Bologna, operante nel settore dei servizi, nel corso del quale sono state rinvenute ben otto auto con targa bulgara. Immediati riscontri hanno consentito di individuare il capannone a Casalecchio, dove sono stati eseguiti i sequestri. Il locale è risultato nella disponibilità di una società bulgara di noleggio auto, amministrata da un 44enne italiano,residente a Sofia, denunciato a piede libero insieme a un 25enne, che risulta essere il locatore dell’immobile.

Da quanto rilevato dagli inquirenti, il 44enne amministra anche altre tre società di noleggio auto, sempre di diritto bulgaro: tramite queste società sono stati conclusi numerosi contratti con professionisti e società della nostra regione. Proprio il noleggio di queste auto, prima immatricolate in Italia, poi radiate per esportazione, quindi reimmatricolate in Bulgaria e rientrate in italia per essere cedute in locazione, consente ai locatari di abbattere notevolmente i costi dell’assicurazione obbligatoria e di sottrarsi al pagamento della tassa di possesso ed alle violazioni al codice della strada, quali Tutor, Autovelox e altre infrazioni. per tutte queste persone e società si profila ora l’ipotesi della truffa ai danni dello Stato.

Trucchetti del genere non sono sconosciute alle istituzioni tanto che, proprio in questi giorni, il Governo sta approntando un disegno legge per modificare l’art. 132 del codice della strada. Sono in discussione nuove regole molto più rigide per i residenti in Ttalia che circolano alla guida di veicoli immatricolati in uno Stato estero, per ricondurre il fenomeno nell’ambito della legalità. In alcuni casi, infatti, sarà previsto il ritiro della carta di circolazione per 30 giorni e, nel caso di leasing o locazione senza conducente di veicoli esteri circolanti in italia, sarà prescritta la reimmatricolazione con targa italiana entro sessanta giorni dall’acquisizione in disponibilità

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento