Cronaca

Bus e treni alla prova della prima campanella: "Dove si sono rilevati carichi maggiori, sarà posta attenzione per possibili correzioni"

Così Tper dopo il primo giorno di scuola, annunciando che le attività di presidio e monitoraggio proseguiranno. Intanto le ferrovie registrano un boom:" Il primo giorno di scuola ha fatto registrare un incremento di viaggiatori di oltre il 30% sui nostri treni"

Servizi potenziati per la ripresa della didattica in presenza e controlli a largo raggio: è partito così questa mattina l’assetto del servizio di trasporto pubblico definito da tutte le componenti del tavolo di coordinamento prefettizio che ha lavorato durante l’estate in vista dell’avvio della stagione scolastica.

Sulla base delle indicazioni degli istituti raccolte dall’Ufficio Scolastico territoriale di Bologna e in considerazione della capienza dei bus - attualmente limitata per legge all’80% del carico massimo previsto dalla carta di circolazione dei mezzi - nel bacino di Bologna, sono state attivate oggi le 369 corse supplementari previste nei giorni di scuola a potenziamento del consueto servizio invernale grazie all’impiego di 57 autobus in più. Di queste corse, 70 sono in servizio nel circondario imolese, per un impiego di 13 bus.  Così snocciola i dati la società locali di trasporto, dettagliando: le linee del bacino metropolitano bolognese interessate dai potenziamenti sono complessivamente 60; inoltre, al fine di intervenire in caso di necessità di servizio ulteriori, oggi sono state tenute a disposizione 6 riserve a turno intero (3 al mattino e 3 al pomeriggio): autobus, con relativi conducenti, operativamente pronti a svolgere circa 40 corse in più per un consistente rafforzamento aggiuntivo.

Dalle prime ore del mattino di oggi è partito anche il monitoraggio con personale su strada per controlli del servizio ed assistenza all’utenza.

Scuola, il ministro Bianchi alle Carducci: "È un giorno di gioia" | VIDEO  

Nella fascia oraria di accesso alle scuole, Tper fa sapere di aver £disposto punti di presidio di proprio personale operativo alle fermate a servizio dei principali poli didattici, con la collaborazione di Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza, come previsto dai protocolli adottati al tavolo per la sicurezza e secondo quanto già attivato, con esiti positivi, durante lo scorso anno scolastico."

Attenzione è stata dedicata anche all’uscita delle scuole - sottolineano dalla società - "dove la concentrazione degli studenti è sempre più massiccia ed è maggiormente importante un’equa distribuzione dei carichi sulle corse, specie dove ne sono previste diverse in rapida successione, per garantire condizioni di adeguato comfort.£

In città i controlli a terra sono stati effettuati nei punti più sensibili del servizio negli orari di maggiore afflusso e di interscambio, come Piazza XX Settembre, ed in prossimità dei principali plessi scolastici.

Il bilancio, secondo la prima ricognizione, è positivo per Tper che aggiunge: "Dalle prime indicazioni odierne sulla ripresa scolastica, il servizio programmato è risultato adeguato alla domanda, con un riempimento dei bus al di sotto dei limiti di capienza in vigore. Non si sono riscontrate criticità, sia sul piano del servizio sia su quello del rispetto delle regole per l’utilizzo corretto dei mezzi da parte dell’utenza in osservanza delle norme anti-contagio; dove si sono rilevati carichi maggiori, seppur sempre entro la capienza consentita, sarà posta attenzione per possibili correttivi tendenti ad ottimizzare ogni aspetto del servizio. Le attività di presidio e monitoraggio proseguiranno, specie in queste prime settimane di scuola caratterizzate da orari delle lezioni non ancora a regime, pertanto suscettibili di consistenti variabilità di giorno in giorno. La consueta collaborazione che intercorre tra gli uffici di programmazione dei servizi Tper e gli Istituti scolastici resta fondamentale affinché la positività delle prime indicazioni odierne trovi conferma anche nel prosieguo; ogni elemento utile ad affinare ogni aspetto continuerà ad essere condiviso al tavolo di coordinamento permanente istituito presso la Prefettura."

E  intanto si parte col primo sciopero, possibili disagi mezzi pubblici per venerdì

Treni, il primo giorno di scuola ha fatto registrare un incremento di viaggiatori di oltre il 30% 

 Sono  stati circa 30mila i passeggeri che hanno viaggiato a bordo dei treni di Trenitalia Tper in Emilia-Romagna tra le 8:00 e le 10:00 di oggi, giorno di riapertura delle scuole. Il primo giorno di scuola ha fatto registrare un incremento di viaggiatori di oltre il 30% rispetto a lunedì della scorsa settimana, avvicinandosi al 90% dei volumi registrati nello stesso periodo del 2019.

"In previsione delle potenziali richieste di maggiore mobilità da parte degli studenti Trenitalia Tper, in accordo con la Regione Emilia-Romagna, ha predisposto 23 bus di sussidio ai treni, dislocati nelle località in cui l’utilizzo del servizio ferroviario da parte degli studenti è storicamente maggiore." Così fa sapere una nota delle Ferrovie, che aggiunge: "Potenziati anche i presidi di assistenza alla clientela, per indirizzare correttamente le persone anche rispetto alle normative.L’aumento dell’offerta si è rivelato adeguato, visto che non si sono registrati casi di sovraffollamento. Su tutte le corse è stata rispettata l’occupazione prevista dalle norme ovvero l’80% dei posti totali (seduti e in piedi)."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bus e treni alla prova della prima campanella: "Dove si sono rilevati carichi maggiori, sarà posta attenzione per possibili correzioni"

BolognaToday è in caricamento