rotate-mobile
Cronaca Via di Corticella

Baby gang in Corticella, si allarga l'indagine: altri tre ragazzini individuati

Si tratterebbe di una vera e propria comitiva, che è solita riunirsi persso il capolinea del 27. Un altra vittima individuata

Erano soliti riunirsi a uno dei capolinea del 27, in zona Corticella, e da lì decidevano chi 'punire' e per quale motivo. Questo hano scoperto i carabinieri di Bologna, nell'abito di una indagine che già qualche giorno fa aveva portato alla denuncia per cinque giovanissimi, che gli inquirenti sostengono essere gli autori di una aggresione ai danni di un coetano sotto casa.

Ora l'indagine si allarga: i carabinieri, visionando telecamere e profili social, hanno scoperto la complicità di altri tre giovani che farebbe salire a otto il numero dei componenti il gruppo.

Una compagnia nota in quartiere anche per la firma sui muri, una sigla che gli stessi si erano intestata. Esaminando appunto i social network e raccogliendo ulteriori testimonianze, i Carabinieri hanno individuato un’altra vittima, i cui genitori non hanno ancora formalizzato denuncia.

14enne minacciato con un coltello, picchiato e filmato. 5 minori denunciati in Corticella

Si tratta di un 15enne, che il gruppo aveva preso di mira già dall’autunno scorso, oggetto di minacce e aggressioni fisiche, all’uscita da scuola e sotto casa.

L’attività dei Carabinieri ha consentito di ricostruire quello che dai militari stessi è stato definito come una sorta di “Tribunale di strada”, istituito per giudicare e punire quei coetanei che a loro dire avevano fatto qualcosa di sbagliato.

Nella giornata di ieri, i tre minori successivamente identificati sono stati sottoposti a perquisizione domiciliare, a seguito della quale sono stati sequestrati alcuni telefonini in loro uso. Le attività per far piena luce sulla vicenda, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Bologna, sono ancora in corso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baby gang in Corticella, si allarga l'indagine: altri tre ragazzini individuati

BolognaToday è in caricamento