Budrio, gas dalla caldaia: madre e figlia intossicate, in prognosi riservata

La Centrale Operativa del 112 è stata informata dai sanitari del 118. I Carabinieri, sono entrati con una squadra dei Vigili del Fuoco

Foto archivio

Un’intossicazione da monossido di carbonio ha coinvolto ieri un'intera famiglia. Intorno alle ore 5:45, la Centrale Operativa del 112 è stata informata dai sanitari del 118: a Bagnarola di Budrio, marito e moglie di 59 anni e la figlia 21enne, erano stati ricoverati per intossicazione da monossido di carbonio.

L’uomo, accortosi di quello che stava succedendo, è riuscito ad allertare il 118: è stato dimesso con una prognosi di 21 giorni, mentre la moglie e la figlia sono state ricoverate in prognosi riservata,

Sul posto sono intervenuti I Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Bologna, sono entrati nell’abitazione assieme a una squadra dei Vigili del Fuoco, al personale dell’Azienda USL del Distretto di San Giorgio di Piano e a un tecnico “Ausiliario di Polizia Giudiziaria”.

Dai primi accertamenti, la miscela di gas si sarebbe propagata a causa del mancato adeguamento alla normativa vigente dei necessari accorgimenti tecnici, utili al regolare funzionamento della caldaia e del camino.      

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Elezioni Regionali Emilia-Romagna, i risultati: Bonaccini vince e va oltre il 50 per cento

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • Regionali Emilia Romagna, le Sardine festeggiano e escono di scena: "Non siamo nati per stare sul palcoscenico. E' tempo di tornare alle nostre priorità"

  • Incidente, scontro frontale a Castel Guelfo: 24enne grave al Maggiore

  • Lunga giornata di voto in Regione. Boom alle urne, oltre il 70% a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento