Bambini 'schedati' a Pianoro, il sindaco:"Documenti legati ad attività scolastica, conservati dove l'accesso è consentito solo a chi ha le chiavi"

Franca Filippini: "L'amministrazione procederá tramite legali nei confronti di chi, esercitando il ruolo di amministratore pubblico, ha avuto accesso a documenti privati senza autorizzazione o ancor peggio ne ha diffuso contenuti e/o informazioni"

Alcuni dati trovati da Luca Vecchiettini

E' polemica a Pianoro dopo che l'ex candidato sindaco della Lega, Luca Vecchiettini, ha denunciato il ritrovamento di informazioni sensibili sui bambini, sulla loro situazione familiare, disagi, osservazioni sulla psicologia e sul comportamento, in "alcuni armadi senza chiavi" a Rastignano.

Il materiale, stando a quanto raccontanto da Vecchiettini, era in una stanza a disposizione dei gruppi politici del Comune di Pianoro: "Mi sono imbattuto per caso in quell'armadio - spiega l'esponente della Lega -  mentre ero in ufficio. Informazioni raccolte sui minori per anni  e stipate in armadi senza chiave, potenzialmente accessibili a chiunque, la sala non è frequentata solo dai consiglieri, ma anche da personale delle pulizie, tecnici e anche da normali cittadini che hanno preso un appuntamento con noi". E Vecchittini in in quei faldoni avrebbe trovato anche il suo profilo, con informazioni di quando era piccolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sull'argomento BolognaToday ha interpellato anche il sindaco, Franca Filippini, che appresa la notizia, dopo alcune verifiche, spiega: "L'amministrazione Comunale di Pianoro comunica che il locale cui il Gruppo Consiliare della Lega Nord fa riferimento é destinato alle sole attività di incontro e programmazione dei gruppi, quali organismi istituzionali dell'ente. Suddetto locale è all'interno di un edificio comunale e l' accesso è vincolato dal possesso delle relative chiavi. Non si tratta quindi in nessun modo di locali di pubblico utilizzo. I documenti citati erano conservati all'interno di un armadio, le schede oggetto della segnalazione sono parte di un progetto comunale legato all'attività scolastica, affidato a professionisti esterni nell'ambito del progetto Patchwork, attività questa di pubblico dominio. I dati sono raccolti nell'ambito di un'attività regolarmente affidata che ha rispettato tutte le procedure e i vincoli di legge. Il Comune di Pianoro si riserva ogni ulteriore approfondimento rispetto alla custodia dei dati e alle eventuali responsabilità in capo agli operatori. L'amministrazione procederá tramite i suoi legali ad azioni nei confronti di chi, esercitando il ruolo di amministratore pubblico, ha avuto accesso a documenti privati senza autorizzazione o ancor peggio ne ha diffuso contenuti e/o informazioni". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'oroscopo di agosto segno per segno: ecco cosa dicono le stelle

  • Covid e gestione piscine, parrucchieri ed estetisti: siglata nuova ordinanza in Emilia-Romagna

  • Da Budrio a "Mister Italia 2020": Ruben Ganzerli tra i trentadue finalisti

  • SuperEnalotto, la fortuna bacia Pianoro: vinti 18mila euro

  • Le 10 mostre di agosto da non perdere a Bologna

  • Temporale improvviso nel gran caldo, alberi caduti e allagamenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento