Cronaca

Bologna dei misteri, tra storia e leggenda: 'La nostra città come una dark lady, si scopre lentamente'

Streghe, enigmi, storie misteriose e segreti. Ne parliamo con Barbara Baraldi, scrittrice ed esperta di misteri, che all'anima oscura ed esoterica di Bologna ha dedicato due lavori e tanta ricerca

Ne è stata attratta sin dall'infanzia: il lato oscuro delle città "non la parte visibile e rassicurante, ma le vicende nascoste". A colloquio con Barbara Baraldi, scrittrice di thriller, romanzi per ragazzi, sceneggiatrice di fumetti.

Quando è nata la passione per il mistero? "Alle elementari desideravo già uno smalto per unghie nero per assomigliare ai protagonisti della famiglia Addams, ho letto Frankenstein di Mary Shelley a 12 anni e uno dei miei primi libri è stato Dracula di Stoker, mentre il primo thriller è stato un tema sempre alle elementari: la protagonista indagava su un omicidio di una coppia di rondini, vicina di casa, infine si scopre che l'assassino era il gatto". 

Non si è allarmato nessuno per questa sua passione? "Si la maestra era molto preoccupata..."

Barbara Baraldi, emiliana, ha dedicato due libri a Bologna: "101 misteri di Bologna (che non saranno mai risolti)" (Newton Compton 2011) e "Misteri, crimini e storie insolite di Bologna" (Newton & Compton 2013).

"E' come una dark lady, una donna che non si mostra subito, ma si scopre lentamente. Pensiamo al fiume sotterraneo, Bologna è piena di queste energie, ha una duplice natura. Per anni ogni sabato prendevo il treno e mi perdevo per le stradine, volevo scoprirla direttamente, vagavo per il quartiere ebraico, è una delle città più misteriose che ci siano". 

PERSONAGGI MISTERIOSI NELLA STORIA DI BOLOGNA. "Tanti, ad esempio un grandissimo esorcista, Girolamo Menghi, forse il più importante della storia, che a Bologna Barbara-B2-3operò e studiò nel '500, alcuni dei suoi trattati furono messi all'indice, o, sempre negli stessi anni, il chirurgo Gaspare Tagliacozzi, che aveva sviluppato una tecnica per ricostruire nasi e orecchie, ma che fu processato e condannato dal Tribunale dell'Inquisizione (post mortem - ndr) poichè l'uomo non può creare ciò che Dio ha distrutto".

Una storia misteriosa della città? "Le sepolture anomale... Nel 2004, mentre si effettuavano gli scavi per l'Alta Velocità, è stata portata alla luce una necropoli risalente alla Roma Imperiale, ma una quarantina delle 200 sepolture risultano particolari: i defunti sono stati inumati in strane posizioni, a volte mutilati, sono stati trovati chiodi in ferro, anche conficcati nel cranio. Tutto fa pensare ai revenant, ovvero a persone che dovessero ritornare in vita, quelli che in termini attuali definiremo vampiri, ma non siamo nell'est Europa, quello si che è ancora un mistero".

E un episodio curioso? "Una storia interessante è quella del corpo incorrotto di Santa Caterina de' Vigri, conservato nel Santuario del Corpus Domini in via Tagliapietre. La vicenda risale al quindicesimo secolo: fu dapprima sepolta in un giardino, poi la salma fu esumata, ma, ancora oggi rimane una vicenda incomprensibile, poichè il corpo era ancora bianco e morbido come di persona viva si disse, nessun rigor mortis, la pelle si brunì poi al contatto con l'aria. Le suore la cambiano due volte all'anno e la Cappella della Santa si può visitare. Si racconta che una consorella per assicurarsi che fosse davvero morta, le morsicò un dito".

L'ULTIMA FATICA. Si intitola 'Striges, la voce dell'ombra' (Mondadori 2014) "il tema è la stregoneria, anche ai giorni nostri tra la gente comune possono esservi streghe e inquisitori" Protagonista una ragazza che, al compimento dei 17 anni, scopre di essere la reincarnazione di una strega: "Leggo storie di streghe da quando avevo 16 anni".

Streghe a Bologna? "Ovviamente si, la cosiddetta strega enormissima, ovvero Gentile Budrioli. Da un frate imparò i segreti delle erbe curative ed entrò alla corte di Ginevra Sforza e quindi dei Bentivoglio", samo nel quindicesimo secolo. Un'amicizia che si rivelò fatale quella tra le due donne e "per motivi politici venne accusata di stregoneria. Al processo confessò per poter riabbracciare i suoi figli, ma fu messa al rogo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bologna dei misteri, tra storia e leggenda: 'La nostra città come una dark lady, si scopre lentamente'

BolognaToday è in caricamento