Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

Barriere architettoniche nelle nostre scuole: percorsi ad ostacoli per i disabili in oltre il 60% degli istituti

Sono 14.220 gli alunni con disabilità, ovvero il 2,4% del totale degli studenti della regione. Da Exposanità: "Servono meno barriere architettoniche e più ausili per l’apprendimento"

In Emilia Romagna nell’anno scolastico 2012/2013 sono stati 14.220 gli alunni con disabilità, pari al 2,4% del totale degli studenti della regione.  Gli alunni con disabilità necessitano di servizi con determinate caratteristiche per il superamento delle barriere architettoniche, come le scale a norma, gli ascensori, servizi igienici specifici, segnali visivi e acustici, percorsi interni ed esterni che facilitino gli spostamenti.

Secondo i dati elaborati da Exposanità su base ISTAT, se da un lato in Emilia Romagna si registra una percentuale alta di scuole con scale a norma (82% di scuole primarie e 88,2% di secondarie di I° grado) e con servizi igienici a norma (87% di scuole primarie e 87,1% di secondarie di I° grado), dall’altro solo il 36,5% delle scuole primarie e il 33,7% delle scuole secondarie di I° grado hanno reso accessibili i percorsi interni: un dato preoccupante, anche se comunque superiore alla media nazionale.
Stessa situazione per i percorsi esterni, resi accessibili solo nel 34,8% delle scuole primarie e nel 33,3% delle scuole secondarie di I° grado.

“Il tema dell’integrazione scolastica degli alunni con disabilità impone due diversi livelli di riflessione- rileva Marilena Pavarelli, Project Manager di Exposanità - Da un lato è necessario ripensare ed adattare l’edilizia scolastica così da renderla fruibile al maggior numero di studenti possibile, dall’altro occorre dotarsi di una serie di risorse materiali ed umane che concorrano a rendere la scuola italiana ed emiliano-romagnola più accessibile anche nei confronti di coloro che presentano difficoltà nell’apprendimento.  Exposanità darà come di consueto spazio a queste due tematiche dedicando una serie di appuntamenti alla progettazione for all, a quei  prodotti destinati a chi presenta difficoltà cognitive nonché alle competenze necessarie a tutti coloro che seguono gli alunni con tali difficoltà: famiglie, insegnanti di sostegno, logopedisti, fisioterapisti e, più in generale, tutte le figure dello spettro riabilitativo.”

Occorre quindi dotarsi di soluzioni pratiche ed anche di professionisti dedicati. Ma qual è la situazione negli istituti scolastici dell’Emilia Romagna? Nelle scuole a gestione statale della regione, il rapporto tra docenti e numero degli alunni con disabilità è di uno ogni due studenti, un dato in linea con l’andamento nazionale. Molise e Basilicata sono le regioni che dedicano più risorse con una media di un insegnante ogni 1,6 alunni con disabilità mentre nelle regioni Lazio e Lombardia, il rapporto è inferiore (un docente ogni 2,4 alunni).

A livello macro il Mezzogiorno - secondo la fotografia scattata da Exposanità - presenta la percentuale più bassa di scuole con scale e servizi igienici a norma; situazione opposta al Nord. Per quanto riguarda i percorsi interni ed esterni, che si dimostrano comunque carenti, è sempre il Nord a presentare una situazione migliore rispetto al Mezzogiorno.

FUORI DALLE SCUOLE, ECCO COME E' LA SITUAZIONE NEL RESTO DELLA CITTA'

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barriere architettoniche nelle nostre scuole: percorsi ad ostacoli per i disabili in oltre il 60% degli istituti

BolognaToday è in caricamento