menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Biagio scomparso nel nulla: "Oggi un anno senza lui, ma la speranza resta"

Scomparso il 23 novembre dello scorso anno, Biagio ha lasciato un grande vuoto: "Il suo micione Felix ha dormito nel suo giubbotto per mesi, manca a tutti e in testa ho tanti ricordi bellissimi"

Il 23 novembre del 2016 il 45enne Biagio Carabellò è scomparso nel nulla dopo essere uscito dal poliambulatorio di via Tiarini, alla Bolognina. E' passato un anno esatto senza ritrovarlo e la sorella Susanna oggi vuole fare un appello per ricordare che nè lei, nè il fratello, la nipotina, la mamma e gli amici del bar sono più gli stessi da quando lui è sparito senza lasciare traccia.

La storia di questa scomparsa ha però dei risvolti che sfociano nel giallo: a partire dal ritrovamento di un testamento e l'ipotesi che sia stato falsificato (qui il confronto tra le due versioni), le accuse di occultamento e distruzione dello stesso e le indagini intorno all'amica della sua fidanzata Elisabetta Filippini (deceduta qualche anno fa a causa di una malattia e assistita proprio dalla persona sospettata). 

"Mio fratello mi manca tanto e non perdiamo la speranza - dice Susanna -  Le indagini vanno avanti per arrivare alla verità e continuiamo a credere che con l'aiuto di tutti prima o poi lo riabbracceremo, o almeno che arriveremo a scoprire che cosa è successo davvero. Purtroppo non ho tante sue foto, ma questa è quella che preferisco (la foto in copertina ndr) che lo ritrae in un periodo particolarmente felice". 

IL RICORDO: "STAVO MALE E MI TENNE LA MANO TUTTA LA NOTTE". Susanna, ha un ricordo particolarmente piacevole che ha protagonisti lei e suo fratello? "Quando ero ragazzina una sera stetti male e lui si mise con il suo letto a fianco al mio e mi tenne la mano per tutta la notte. Mi diede un senso di protezione assoluto che adesso mi manca. Dopo la morte di mio padre diventò lui il capo famiglia, colui che mi avrebbe protetto sempre ed ora che non so che fine ha fatto mi sento in balia del nulla. Mi ricordo quando lui ballava la breackdance in casa e il suo orgoglio quando parlava al rovescio: riusciva a dirti intere frasi al contrario! Una qualità che in pochi hanno e di cui lui si vantava...". 

"FELIX, IL GATTO DI BIAGIO ME LO FA SENTIRE VICINO". "Non so quanti gatti ha portato a casa - continua il racconto di Susanna - lui li ama moltissimo e da quando è scomparso il suo micione Felix vive qui con me. Con lui in giro è un po' come avere mio fratello ancora qui con me...All'inizio per il micio è stato un trauma, l'ho preso con me e lui dormiva solo nel giubbotto di Biagio. Adesso si è abituato alla sua assenza". 

Com'è suo fratello? Che cosa gli piace? "Biagio è uno di quelli che sa un sacco di lingue, ma che a scuola era l'incubo degli insegnanti. Si è però sempre distinto per la sua intelligenza nonostante non avesse neppure la licenza media. Era un ribelle, ma le cose le ha imparate lo stesso: invece che sui libri, stando in mezzo alla gente. Da adulto ha iniziato a un sacco, era appassionato di letteratura e dopo la morte della sua Elisabetta si è dedicato moltissimo alla Bibbia. E' una persona con cui non ti annoi...". 

15211514_1329745647056574_142585435_n-2

Felix, il micione di Biagio Carabellò

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Oggi è il Blue Monday: il giorno più triste dell'anno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Chioschi a Bologna e provincia: la nostra mini guida

  • social

    Ricette antifreddo: la Zuppa boscaiola

Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento