Apre la 'Piccola biblioteca araba', è la prima in Italia

Stamattina l'inaugurazione con tutti i partner, tra i quali l'assessore alla Cultura Matteo Lepore e i donatori emiratini Ali Bin Hatem e Mohammed Bin Dakhin; Bodour Al Qasimi, fondatrice del gruppo Kalimat; Silvana Sola e Marcella Terrusi, presidente e attivista di Ibby Italia

Cento libri per favorire la lettura e lo scambio culturale e sociale. Sono scritti in arabo, alcuni bilingui, e si trovano a Casa di Khaoula, nella prima piccola biblioteca in lingua araba presente in Italia.

"Libro termometro di pace, Bologna aperta e solidale \VIDEO"

Inaugurata oggi, in occasione di Bologna Children's Book Fair 2019 e BOOM! Crescere nei libri, il programma di mostre e iniziative promosso da Comune e Bologna Fiere.  

"Piccole Biblioteche in Lingua Araba" è l’approdo italiano, curato da IBBY Italia, del progetto "Pledge a Library" promosso dalla fondazione Kalimat Foundation for Children’s Empowerment dell’Emirato di Sharja, che ha distribuito dal 2016 quasi 200 piccole biblioteche di 100 libri in lingua araba per bambini e ragazzi, in vari luoghi del mondo.

Si tratta di piccole biblioteche finanziate da privati donatori emiratini, che vengono destinate a luoghi dove non solo bambini e famiglie arabofoni, ma intere comunità, possono beneficiare della presenza del libro come strumento di armonia e scambio culturale e sociale.

Il progetto "Piccole Biblioteche in Lingua Araba - Pledge a Library" di Kalimat Foundation e IBBY Italia è nato nell’ambito delle relazioni internazionali di IBBY Italia con l’Emirato di Sharja e Bodour Al Qasimi, fondatrice e CEO di Kalimat Foundation, nell’aprile 2018, quando la delegazione di IBBY Italia è stata ospite della selezione emiratina UAEBBY - voluta e fondata da Bodour Al Qasimi - presso Sharja Reading Festival. 

La declinazione italiana del progetto mette in relazione undici realtà e undici territori diversi dal nord al sud che lavorano sui temi dell'integrazione e della multiculturalità attraverso l’indispensabile funzione di mediazione e di relazione del libro per ragazzi.

Istituti scolastici, istituzioni culturali e associazioni  sono i diversi i soggetti -tutti frequentati da un ampio numero di minori stranieri e caratterizzati da un impegno consolidato sui temi della multicultura, del multilinguismo e della promozione della lettura -  che hanno accolto con entusiasmo la donazione di libri.

Tutte queste realtà sono state scelte da IBBY Italia grazie alla collaborazione di Vinicio Ongini, esperto del Ministero Università e Ricerca, che su base interamente volontaria ha curato il progetto  insieme a Silvana Sola, presidente IBBY Italia e Giannino Stoppani Libreria per Ragazzi- Cooperativa Culturale e Marcella Terrusi  del Dipartimento di scienze per la qualità della vita dell’ Università di Bologna.

Le piccole biblioteche in lingua araba sono una rete che intende incoraggiare e nutrire lo scambio sulle pratiche di accoglienza, inclusione e dialogo interculturale attraverso il libro per ragazzi.giungono a destinazione già provviste di scaffale e di video tutorial per il montaggio.

Tra i cento titoli compaiono albi illustrati e romanzi di autori ed editori di area arabofona e non soltanto, sono anche libri importati e tradotti in arabo come Io sono Malala della giovane attivista pakistana Malala Yousafzai, testi che raccontano il Ramadan e il viaggio verso la Mecca, le storie di grandi pensatori e filosofi come Avicenna e Averroè, le avventure quotidiane o fantastiche di infanzia e adolescenza. 

Tra i cento libri anche cinque albi bilingui italiano-arabo editi dalla collaborazione tra la casa editrice Gallucci e il Gruppo Kalimat. Il gruppo Kalimat, editore e fondazione, sono state fondati da Bodour Al Qasimi, imprenditrice e attivista per i diritti di donne e bambini, oggi anche vicepresidente dell’Associazione Internazionale degli Editori. 

Biblioteca Casa di Khaoula dell’Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna ospita la prima bibliotechina in lingua araba in Italia che, già catalogata dai bibliotecari, si rende disponibile al prestito e si aggiunge alla quantità e varietà di servizi e iniziative che la biblioteca declina secondo un’ottica multiculturale.  
 

Potrebbe interessarti

  • Forno a microonde: fa veramente male alla salute?

  • L'olio di arachidi fa male? Ecco la verità

  • Come smettere di fumare: trucchi e consigli

  • Segreti e benefici del Tai Chi Chuan

I più letti della settimana

  • Incidente in A1, un morto: traffico bloccato la domenica del rientro

  • Incidente in A14 tra Forlì e Cesena, muore ragazzo di San Lazzaro di Savena

  • West Nile, zanzare positive a San Giovanni in Persiceto

  • Concorso Mibac, bando per 1052 vigilanti: requisiti e materie d'esame

  • Incidente mortale sulla A14: chi era la giovane vittima

  • Nadia Toffa è morta: aveva scelto Bologna per la sua prima uscita pubblica

Torna su
BolognaToday è in caricamento