menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bike-sharing, si cambia: in arrivo 1000 bici e lucchetti 'smart'

Il Comune vuole installare una rete di mille biciclette con computer di bordo, lucchetto automatico, reperibili 24 ore su 24 e con tariffe integrate con bus e treni. Fino a 800mila euro previsti e partenza entro Giugno 2018

Novità in vista per il Bike Sharing targato Comune di Bologna: dopo il pensionamento anticipato delle viecchie 'bici del sindaco', troppo onerose e inefficaci, la nuova amministrazione dell'era Priolo ci riprova, introducendo alcune novità. Il progetto, licenziato gli indirizzi all'Agenzia della Mobilità SRM per l'espletamento della procedura per istituire un servizio innovativo di biciclette pubbliche, prevedendo un investimento massimo di 800.000 euro l'anno da parte di Palazzo d'Accursio. Gli indirizzi saranno ora proposti al Consiglio comunale per l'approvazione definitiva.

Le linee guida previste dalla bozza del Comune parlano di mille biciclette dotate di computer di bordo, distribuite su circa 90 postazioni con un sistema di bloccaggio automatizzato che permetta di prelevarle e depositarle più liberamente. Una quota della flotta sarà composta da biciclette elettriche. La struttura tariffaria sarà flessibile, integrata con le altre forme di trasporto pubblico (car sharing, treno, bus), incentiverà i viaggi brevi e sarà pensata anche per un utilizzo di due-tre giorni, per venire incontro alle esigenze dei turisti.

Ogni mezzo sarà monitorato in tempo reale e chiunque, tramite una app sul proprio smartphone, potrà accedere alle informazioni sul servizio, che sarà attivo 24 ore su 24. E' la carta di identità del Bike Sharing di ultima generazione, già sbarcato in altre città europee.

L'obiettivo è di concludere la procedura di aggiudicazione e stipulare il contratto col gestore entro dicembre di quest'anno, per poi proseguire con la fase di progettazione esecutiva e di realizzazione del sistema entro il mese di giugno 2018. La procedura scelta per trovare il gestore del nuovo servizio è quella del “dialogo competitivo”, previsto dal Codice degli appalti: è un sistema che consente un processo di negoziazione e di affinamento delle offerte più compiuto, sicuramente utile per un progetto con caratteristiche così innovative per la realtà bolognese e italiana. La durata della concessione sarà di 6 anni con facoltà da parte dell'amministrazione di prolungarla per altri due anni.

Nei desiderata di Palazzo D'Accursio ci sarebbe il superamento dell'attuale servizio “C'Entro in Bici” (216 mezzi distribuiti su 22 stazioni), un sistema di vecchia concezione attualmente gestito da Tper, che però non ha fornito i risultati sperati. Il servizio potrà essere successivamente soppresso o ricollocato a servizio di zone non coperte dal nuovo sistema. Di certo c'è che del vecchio servizio rimarrà il “rosso Bologna”: saranno di questo colore infatti anche i mezzi del nuovo Bike Sharing.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento