Polittico Griffoni, Hera offre 80 biglietti gratis per la mostra capolavoro

Gli ingressi saranno validi per la giornata del 2 luglio, basta contattare il call center di Genus Bononiae. Disponibile un ingresso gratuito a persona, fino ad esaurimento posti

Una giornata per entrare gratis alla mostra “La riscoperta di un capolavoro” dedicata al Polittico Griffoni, in esposizione a Palazzo Fava dal 18 maggio 2020. Il Gruppo Hera, partner della mostra, regala 80 ingressi su prenotazione per visitare la mostra nella giornata di giovedì 2 luglio.

Per aderire all’iniziativa, basta contattare il call center di Genus Bononiae (tel.051.19936343, attivo dal lunedì al venerdì dalle 11.00 alle 16.00) e comunicare il codice “Hera-Griffoni”. È disponibile un ingresso gratuito a persona, fino ad esaurimento posti.

"In questa congiuntura, il sostegno all’appuntamento e gli ingressi gratuiti offerti, sono per il Gruppo Hera soprattutto delle leve per stimolare il ritorno alla normalità. La multiutility si è impegnata al massimo per assicurare la continuità dei propri servizi e ora questa partnership rappresenta anche un impegno per il ritorno al bello, alla possibilità, interrotta in questi mesi, di godere nuovamente di occasioni culturali che contribuiscono a migliorare la qualità della nostra vita, - spiega Giuseppe Gagliano, Direttore centrale relazioni esterne del Gruppo Hera – a renderla completa, come questa opera che, con un vero e proprio viaggio nel tempo e nello spazio, torna a casa finalmente riunita". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mostra offre ai visitatori la possibilità di ammirare uno dei maggiori capolavori del Quattrocento italiano, il Polittico Griffoni, che torna a Bologna dopo 300 anni. L’opera di Francesco del Cossa ed Ercole de’ Roberti, infatti, fu esposta nella Basilica di San Petronio per quasi 3 secoli, prima di essere scomposta in tavole destinate ai musei più importanti del mondo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Matrimonio Elettra Lamborghini: tutti i dettagli della cerimonia a poche ore dal 'si'

  • Matrimonio da favola per Elettra Lamborghini: gli abiti da sposa, la torta e i fuochi d'artificio / LE FOTO

  • Pianoro, morto il 17enne coinvolto nell'incidente auto-moto

  • Coronavirus, altri 4 studenti positivi in 4 scuole: 78 in quarantena

  • Covid, tre positivi in due istituti scolastici di Bologna. Una classe del Liceo Righi in quarantena

  • I Portici di Bologna sui barattoli di Nutella

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento