Il bilancio di Tper: ricavi in aumento, poi la crisi coronavirus

Allo stato attuale le previsioni della azienda dei trasporti non cambiano il piano di investimenti

Per Tper le cose andavano, tutto sommato, a gonfie vele. Il 2019 è si chiuso, di nuovo, con un aumento dei ricavi: 271 milioni, 9,8 milioni in più del 2018, a fronte di una crescita dei passeggeri su treni e bus del 2,1% (164 milioni di viaggi, di cui 138 milioni a Bologna), con un utile netto di 5,2 milioni di euro.

Poi, a fine febbraio l'emergenza coronavirus e il lockdown hanno cambiato tutto, svuotando i mezzi pubblici e privando le società di trasporto pubblico, costrette a garantire comunque il servizio, compresa quella di Bologna e Ferrara, di una parte consistente delle proprie entrate.

Eppure, Tper non intende rivedere i propri piani per quest'anno e, mentre il Governo dà il via libera ad aumentare il carico dei passeggeri sugli autobus (si passa dal 30 al 60% della capienza), conferma investimenti e assunzioni.

"Avremo anche noi un impatto negativo dalla crisi Covid-19, che, però, a meno di nuove e gravi crisi di contesto, non impatterà sugli investimenti programmati", assicura la presidente Giuseppina Gualtieri, che rimanda all'assemblea dei soci che si terrà all'inizio di luglio informazioni dettagliate sulle perdite registrate tra marzo e maggio e le previsioni sul bilancio di quest'anno, così come la decisione sulla destinazione dell'utile.

"L'azienda c'è ed è solida. Siamo convinti di poter essere parte della fase di ripartenza e confermiamo gli investimenti, compreso l'acquisto di 240 nuovi mezzi nei prossimi anni, i livelli occupazionali e il piano delle assunzioni, con l'ingresso di 21 nuovi conducenti", rivendica la numero uno dell'azienda di via Saliceto.

Tper, nel 2019, ha registrato 271 milioni di ricavi, che hanno coperto i 241 milioni di costi ed altri oneri operativi, aumentati (+8,6 milioni) principalmente per effetto dell'aumento dei costi di personale, materie prime e servizi. Il risultato di esercizio del 2019 è in linea con le previsioni di budget, spiega l'azienda, e tiene conto della quota sempre più importante di ammortamenti (17,2 milioni) che dipendono dall'impegno dell'azienda a dare continuità alla stagione degli investimenti intrapresa negli ultimi anni.

Nel corso del 2019 sono stati realizzati, infatti, ulteriori investimenti per 25,7 milioni di euro, che comprendono acquisti di bus "ad alta compatibilità ambientale" (74 quelli entrati in servizio nel 2019, tra cui i primi bus a metano liquido in Europa che possono operare su linee extraurbane) e lo sviluppo di nuove tecnologie (bigliettazione elettronica e della dematerializzazione dei titoli di viaggio), l'installazione di impianti di videosorveglianza sugli autobus urbani (340 nel 2019).

Il bilancio consolidato del gruppo Tper, che comprende anche le società controllate, registra un utile netto di 6,9 milioni di euro, a fronte di un patrimonio netto di 162 milioni di euro (150 milioni per la capogurppo) e ricavi per 328,3 milioni di euro (+11,4 milioni di euro sul precedente esercizio).

"Questo 2020 rappresenta quello che potremmo definire un 'anno-zero' per tutte le aziende del nostro settore, in particolare per quelle che, come Tper, hanno avuto negli anni una crescita significativa dei ricavi tariffari, ora molto compressi dal calo dei passeggeri e dalla limitata capienza dei mezzi. Per questo i buoni risultati del 2019 sono importanti", sottolinea Gualtieri, spiegando che "anche nelle fasi più critiche, non ci sono stati problemi di liquidità", anche, riconosce la presidente, grazie agli interventi della Regione.

La chiusura del bilancio 2020, peraltro, dipenderà dall'entità dei fondi messi a disposizione del governo per sostenere le aziende del trasporto pubblico locale e che dovrebbero essere distribuiti anche sulla base dei ricavi conseguiti negli anni precedenti.

Nel frattempo, i passeggeri sono tornati sui bus e l'allentamento dei vincoli potrebbe ulteriormente facilitare le cose. "Stiamo predisponendo i nostri mezzi e ho fiducia che si possa tornare a un trasporto pubblico che torna alla sua vera funzione di trasportare tutti quelli che ne hanno bisogno", assicura Gualtieri.

Già nei prossimi giorni inizieranno a circolare i bus con le nuove misure per portare la capienza dal 30% al 60%. Inoltre, l'azienda si prepara per settembre quando le scuole dovrebbero riaprire 'in presenza'. Di qui la conferma dell'assunzione di 21 autisti e la previsione di ulteriori ingressi per un eventuale potenziamento del servizio.

"Vedremo come verranno organizzate le attività didattiche e come sarà l'andamento della pandemia. La volontà è di riportare il settore alla normalità", assicura la numero uno di via Saliceto, che apre alle ipotesi avanzate dal sindaco nelle scorse settimane sul possibile passaggio della proprietà della sede di Tper in Bolognina all'azienda per aumentare la patrimonializzazione dell'azienda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo dei piani per la riqualificazione", conferma Gualtieri. Quanto all'idea di una fusione con la società che gestisce l'Autostazione, la manager commenta: "Si tratterà di valutare quell'operazione dal punto di vista strategico", conclude. (Vor/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Aggressione in casa: tenta violenza sessuale, lei scappa in strada

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Dolci e leccornie: 5 imperdibili pasticcerie a Bologna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento