rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cronaca Marzabotto

Medaglia a Kusterer, il boia di Marzabotto: "Si chieda perché non si eseguono condanne"

Così il vice-sindaco Marzabotto e l'onorevole Paglia (SI), invocando il ritiro della medaglia all'ex sergente delle SS condannato a due ergastoli per stragi naziste. Oggi interrogazione al ministro degli Esteri

Non si smorzano le polemiche sull'onoreficenza  all'ex gerarca nazista Kusterer. Una decisione che "impone una dura presa di posizione del Governo italiano nei confronti di quello tedesco". Così Valentina Cuppi - vice-sindaca Marzabotto- e l'On. Giovanni Paglia -deputato emiliano-romagnolo di Sinistra Italian-, in una nota congiunta, rimarcano: "Il tema non è solo di richiedere il ritiro immediato della medaglia concessa dalla Municipalità di Engelsbrand, bensì di attivarsi affinché lo Stato tedesco dia piena esecuzione alle 9 condanne emesse dalla Corte d'Appello Militare di Roma nel 2008 per la strage di Monte Sole, tra le quali quella di Wilhem Kustere".

"Risulta inconcepibile e profondamente insultante per l'Emilia Romagna e per l'Italia tutta che un'onoreficenza del genere sia assegnata a un criminale nazista, condannato dalla giustizia del nostro Paese e che per giunta non ha mai scontato un solo giorno di carcere", aggiunge il vicesindaco, sottolineando che "notizie del genere non fanno che indignare l'opinione pubblica delle comunità laddove il ricordo delle efferatezze nazi-fasciste è più vivo che mai e ostacolano quei progetti di memoria e sensibilizzazione per le giovani generazioni su un periodo tanto funesto per il nostro Paese".

Paglia oggi presenterà all'attenzione del ministro degli Esteri Gentiloni un'interrogazione per chiedere al Governo di fare "proprio lo sdegno espresso dal Comitato Onoranze ai Caduti di Marzabotto e dall'Associazione Familiari delle Vittime degli eccidi nazifascisti di Grizzana-Marzabotto-Monzuno 1943-1944 che, opportunamente, invierà al Borgomastro di Engelsbrand copia della sentenza della condanna d'ergastolo per Kusterer emessa nel 2008 dalla Corte d'Appello Militare di Roma per la strage di Monte Sole."
Inoltre, per Sinistra italiana "il Governo dovrà pretendere formali scuse dalla Municipalità di Engelsbrand e si attivi affinché il Governo Federale tedesco disponga una revoca immediata dell'onoreficenza".Non solo, "Che il Governo richieda alla Germania il motivo per cui non si sia dato seguito alla richiesta di  mandato d'arresto europeo per tutti i condannati per la Strage di Monte Sole".

Wilhelm Kusterer è un ex sergente delle SS (primo aiutante del maggiore Walter Reder) che, in Italia, è stato condannato in via definitiva a due ergastoli per le stragi naziste di San Terenzo Monti, Vinca e Marzabotto-Monte Sole. Stragi, che, ricorda Paglia "in totale, sono costate la vita a circa 1.150 persone. E Kusterer risulta essere, in particolare, uno degli autori del massacro della collina di Monte Sole, sull’Appennino bolognese, dove fra il 29 settembre e il 5 ottobre 1944 ci fu una retata e l’assassinio sistematico di 770 tra bambini, donne e uomini".
Da notizie di stampa si apprende dell'attribuzione di una medaglia d’onore a Kusterer da parte della municipalità tedesca di Engelsbrand, borgo di 4300 abitanti nel Land del Baden-Württemberg, per le sue qualità di “cittadino attivo e onorevole” e per aver reso “grandi servigi al suo luogo di origine”. 

  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medaglia a Kusterer, il boia di Marzabotto: "Si chieda perché non si eseguono condanne"

BolognaToday è in caricamento