Cronaca

Bologna FC, centro Granarolo: Legambiente denuncia, la Procura apre un'inchiesta

Legambinete aveva presentato un esposto per "forzatura delle regole urbanistiche". Oggi l'apertura di un fascicolo conoscitivo

La Procura di Bologna ha aperto un'inchiesta conoscitiva e senza titoli di reato per avviare accertamenti sul progetto del Bologna Calcio per la realizzazione di un nuovo centro tecnico nel comune di Granarolo Emilia.

Prima un esposto depositato da Legambiente, ma a fine marzo era arrivato l'ok all'accordo di programma firmato dal club, dal comune e dalla Provincia di Bologna, sulla base del parere favorevole della conferenza dei servizi; il 12 aprile l'accordo era stato approvato con decreto della Provincia, pubblicato poi il 24. Gli ambientalisti avevano segnalato una "forzatura delle regole urbanistiche", con un intervento di modifica dei Psc "che viene giustificato formalmente dalla presenza di 'rilevante interesse pubblico'", considerato "poco evidente" da Legambiente, secondo cui "i dati certi della vicenda sono una perdita di suolo agricolo in piena campagna, operazioni immobiliari e cambi di destinazione di terreni appartenenti a privati". Il fascicolo è stato assegnato ad un sostituto procuratore che coordinerà gli accertamenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bologna FC, centro Granarolo: Legambiente denuncia, la Procura apre un'inchiesta

BolognaToday è in caricamento