Coronavirus, nuove misure a Bologna: chiusura alle 18 per bar e i ristoranti. Stop assembramenti, mercati periodici e street art

Oltre alle misure previste dal decreto 8 marzo, nel capoluogo emiliano in vigore nuove misure restrittive per far fronte al coronavirus

Nuove misure restrittive a Bologna per far fronte al propagarsi del Coronavirus. Da domani i bar e i ristoranti di Bologna dovranno anticipare la chiusura, tirando giù le serrande alle ore 18. Stop anche agli assembramenti negli spazi pubblici, ai mercati periodici e agli artisti di strada. Così ha deciso il sindaco Virginio Merola, che ha comunicato il provvedimento intervenendo nell'aula del Consiglio comunale. 

Dunque oltre a mantenere un metro di distanza nei ristoranti, bar e negozi - come previsto dal decreto Conte dell'8 marzo - per la città felsinea si aggiungono "ulteriori misure finalizzate al contenimento del contagio". Ovvero, a pertire dal 10 marzo - e fino al prossimo 3 aprile - "si dispone la chiusura di bar e attività di ristorazione dalle 18 alle 6", nonchè "la sospensione dei mercati alimentari e non alimentari con svolgimento periodico. Per tutte le attivitàc ommerciali, compresi i mercati rionali, valgono le raccomandazioni di contingentamento dell'afflusso", rimarca il primo cittadino.

Inoltre, "vengono vietati gli assembramenti in spazi pubblici, siano essi piazze, strade o parchi- continua Merola- e si dispone la sospensione dell'attivita' degli artisti di strada".

La Regione Emilia-Romagna "sta valutando- riferisce Merola- se ci sono le condizioni per un provvedimento condiviso generale, in questo senso, a livello regionale. In tal caso l'ordinanza comunale, condivisa con il prefetto, sarà assorbita da quella regionale". Infine, "per i dipendenti di bar e ristoranti vale la cassa integrazione in deroga anche in caso di riduzione degli orari", ricorda Merola. 

L’ordinanza del sindaco nel dettaglio 

Il Sindaco di Bologna, Virginio Merola, ha firmato un’ordinanza che contiene misure a tutela della salute pubblica mirate al contenimento del contagio da coronavirus, in aggiunta a quelle assunte dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri  e dalla Regione Emilia-Romagna (ordinanza 8 marzo 2020). Le misure contenute nell’ordinanza del Sindaco sono in vigore da martedì 10 marzo a venerdì 3 aprile compresi. La decisione è stata presa dal Sindaco considerato che in città sono stati rilevati numerosi casi di positività al Covid-19 e che Bologna è prossima alle zone dichiarate di maggior contagio e che rientrano nelle misure più restrittive del Dpcm 8 marzo 2020. Inoltre, nonostante le prescrizioni in vigore, si verificano numerosi fenomeni di assembramento per la consumazione di alimenti e bevande fino a tarda notte e non solo all’interno dei locali ma anche all’aperto, senza rispettare la distanza di sicurezza tra le persone.

Ecco le misure contenute nell’ordinanza in vigore da martedì 10 marzo a venerdì 3 aprilecompresi:

  • bar e ristoranti dovranno chiudere al pubblico dalle 18 alle 6. I gestori sono obbligati, negli orari di apertura, a far rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro tra le persone. Possibile la consegna a domicilio assicurando congrue misure di sicurezza;
  • è vietato svolgere attività di commercio su area pubblica nei mercati previsti dal Piano delle Aree approvato dal Consiglio comunale nel 2016, compresi i mercati agricoli e quelli sperimentali: non è infatti possibile in questi casi garantire le necessarie condizioni di sicurezza per la salvaguardia della salute pubblica. Sono esclusi dal provvedimento, quindi si possono svolgere nel rispetto del Dpcm 8 marzo 2020, i mercati rionali e il mercato cittadino diffuso A;
  • è sospesa l’attività degli artisti di strada, che normalmente attira gruppi di persone in modalità tali da non rendere possibile garantire la distanza di sicurezza.

L’ordinanza impone poi a tutti gli altri gestori di esercizi commerciali di adottare misure organizzative tali da garantire un accesso contingentato o comunque idonee a evitare assembramenti di persone, rispettando la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. L’ordinanza raccomanda poi il rigoroso rispetto delle disposizioni relative al divieto di assembramento nelle strade, nelle piazze, nei parchi, nonché il rispetto delle disposizioni contenute nel regolamento di Polizia Urbana per la salvaguardia della salute pubblica. Chi contravviene all’ordinanza rischia una denuncia ai sensi dell’articolo 650 del Codice Penale.

Coronavirus, l'Emilia-Romagna chiude palestre e piscine. Sì a spostamenti per lavoro

Treni e autobus regolari: nessuna limitazione per decreto anti coronavirus

Coronavirus, l'ultimo bollettino dalla regione. Secondo morto a Bologna

Festa con 50 persone in un bar di Castel Maggiore: denuncia per il titolare

Coronavirus, biblioteche e musei chiusi fino al 3 aprile. Stop alle visite alla Torre degli Asinelli

Coronavirus, all'ospedale Bellaria tre positivi e 56 operatori in quarantena

Al Sant' Orsola misure straordinarie per la gestione dell’emergenza Coronavirus

Treni e autobus regolari: nessuna limitazione per decreto anti coronavirus

Coronavirus, firmato il decreto: nuove zone rosse, ecco quali in Emilia Romagna

Coronavirus: visite ambulatoriali della Guardia Medica solo dopo contatto telefonico

Coronavirus: come si trasmette, quali sono i sintomi e come cercare di proteggersi

Coronavirus: teatro per bambini chiuso? Si va in scena su YouTube

Coronavirus, paziente positivo in Urologia al Sant'Orsola: attività parzialmente interrotte

Misure precauzionali, incassi persi e stop: anche lo sport fa i conti col coronavirus

Coronavirus, contagio in Appennino: morto 67enne di Gaggio Montano

Coronavirus, sfida social per aiutare i ristoranti: "Un'esplosione di solidarietà"


In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento