Venerdì, 6 Agosto 2021
Cronaca

Bologna-Inter, denunciati cori di sfottò sulla strage di Bologna

Le frasi sono state sentite a lato del settore ospiti, ripetuti qualche volta

"Siam venuti in curva perché, la stazione di Bologna non c'è". E' uno dei cori che, a quanto pare, sarebbe stato gridato sabato scorso allo stadio Dall'Ara di Bologna durante la partita tra i rossoblu e l'Inter. A intonarlo, un gruppo dagli spalti dei tifosi nerazzurri.

Non più di tre volte, e a prima analisi non dall'intera curva, perché nel caso si sarebbe sentito in tutto lo stadio. Stando al racconto di chi c'era, tanto però è bastato perché qualcuno li sentisse e reagisse.

In tribuna nella zona vicina a quella riservata al tifo interista c'era Alessandro Alberani, ex segretario della Cisl oggi presidente dell'Azienda casa di Bologna (Acer) e ovviamente tifoso del Bologna: "Quando abbiamo sentito quel coro ci siamo arrabbiati, io e altre sette-otto persone. Mi sono arrabbiato e un po' accapigliato, per così dire, con i tifosi dell'Inter. Ma come si fa a toccare la stazione di Bologna del 2 agosto? Io quel giorno ero volontario nei soccorsi e il dolore per quella giornata è ancora enorme. Intonare quel coro è stata una bruttissima cosa".

Il rumor è arrivato anche alle orecchie di Paolo Bolognesi, presidente dell'associazione dei parenti delle vittime della strage di Bologna, che quasi stenta a crederci: se davvero quel coro è stato intonato e ripetuto, si tratta di "un fatto increscioso, qua stiamo parlando della stazione di Bologna, ci sono stati 85 morti e 200 feriti, non si può lasciar correre.
Non si era mai scesi così in basso", commenta Bolognesi parlando alla 'Dire'. Sul 2 agosto, aggiunge, "possiamo anche discutere su chi è stato, ma sulla stazione e su quel che è successo lì... Ma come si fa? Ognuno penso che possa dire quel che vuole, e poi peraltro contiamo i casi di razzismo, ma almeno su questo (il 2 agosto, ndr) io direi che si dovrebbe essere tutti d'accordo".

Bolognesi insomma non vuol lasciar correre: "Io questo episodio vorrei farlo notare, per il momento che stiamo vivendo e perché penso che l'Inter dovrebbe scusarsi, anche in modo blando, se vogliamo: almeno un telegramma... Ripeto: stiamo parlando della strage alla stazione, e su questo tema non si era mai scesi tanto in basso".

Anche secondo Alberani servirebbe un gesto 'riparatorio', anche simbolico. "Domenica ci sono stati cori duri tra le due curve, e quello sulla stazione si è sentito tre volte. Qui si infanga la memoria di Bologna. Forse l'Inter potrebbe portare la squadra davanti alla lapide che in stazione ricorda i nomi delle vittime", suggerisce Alberani.

Anche il Pd di Bologna si fa sentire. "Intonare quel coro è stato deplorevole e vergognoso", scrive la federazione di Bologna sui propri profili social. "Ci aspettiamo- prosegue il post- che la giustizia sportiva intervenga, ma soprattutto diciamo a voce alta basta all'ennesimo episodio che offende il senso stesso dello sport". Il Pd non è insomma disposto a lasciar correre: "Non bastavano- si legge ancora- gli episodi razzisti a macchiare le cronache sportive. Sabato 2 novembre, giorno dei morti, nemmeno la memoria delle 85 vittime e dei 200 feriti della strage del 2 agosto 1980 è stata rispettata". (Bil/ Dire)


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bologna-Inter, denunciati cori di sfottò sulla strage di Bologna

BolognaToday è in caricamento