Bologna-Inter, denunciati cori di sfottò sulla strage di Bologna

Le frasi sono state sentite a lato del settore ospiti, ripetuti qualche volta

"Siam venuti in curva perché, la stazione di Bologna non c'è". E' uno dei cori che, a quanto pare, sarebbe stato gridato sabato scorso allo stadio Dall'Ara di Bologna durante la partita tra i rossoblu e l'Inter. A intonarlo, un gruppo dagli spalti dei tifosi nerazzurri.

Non più di tre volte, e a prima analisi non dall'intera curva, perché nel caso si sarebbe sentito in tutto lo stadio. Stando al racconto di chi c'era, tanto però è bastato perché qualcuno li sentisse e reagisse.

In tribuna nella zona vicina a quella riservata al tifo interista c'era Alessandro Alberani, ex segretario della Cisl oggi presidente dell'Azienda casa di Bologna (Acer) e ovviamente tifoso del Bologna: "Quando abbiamo sentito quel coro ci siamo arrabbiati, io e altre sette-otto persone. Mi sono arrabbiato e un po' accapigliato, per così dire, con i tifosi dell'Inter. Ma come si fa a toccare la stazione di Bologna del 2 agosto? Io quel giorno ero volontario nei soccorsi e il dolore per quella giornata è ancora enorme. Intonare quel coro è stata una bruttissima cosa".

Il rumor è arrivato anche alle orecchie di Paolo Bolognesi, presidente dell'associazione dei parenti delle vittime della strage di Bologna, che quasi stenta a crederci: se davvero quel coro è stato intonato e ripetuto, si tratta di "un fatto increscioso, qua stiamo parlando della stazione di Bologna, ci sono stati 85 morti e 200 feriti, non si può lasciar correre.
Non si era mai scesi così in basso", commenta Bolognesi parlando alla 'Dire'. Sul 2 agosto, aggiunge, "possiamo anche discutere su chi è stato, ma sulla stazione e su quel che è successo lì... Ma come si fa? Ognuno penso che possa dire quel che vuole, e poi peraltro contiamo i casi di razzismo, ma almeno su questo (il 2 agosto, ndr) io direi che si dovrebbe essere tutti d'accordo".

Bolognesi insomma non vuol lasciar correre: "Io questo episodio vorrei farlo notare, per il momento che stiamo vivendo e perché penso che l'Inter dovrebbe scusarsi, anche in modo blando, se vogliamo: almeno un telegramma... Ripeto: stiamo parlando della strage alla stazione, e su questo tema non si era mai scesi tanto in basso".

Anche secondo Alberani servirebbe un gesto 'riparatorio', anche simbolico. "Domenica ci sono stati cori duri tra le due curve, e quello sulla stazione si è sentito tre volte. Qui si infanga la memoria di Bologna. Forse l'Inter potrebbe portare la squadra davanti alla lapide che in stazione ricorda i nomi delle vittime", suggerisce Alberani.

Anche il Pd di Bologna si fa sentire. "Intonare quel coro è stato deplorevole e vergognoso", scrive la federazione di Bologna sui propri profili social. "Ci aspettiamo- prosegue il post- che la giustizia sportiva intervenga, ma soprattutto diciamo a voce alta basta all'ennesimo episodio che offende il senso stesso dello sport". Il Pd non è insomma disposto a lasciar correre: "Non bastavano- si legge ancora- gli episodi razzisti a macchiare le cronache sportive. Sabato 2 novembre, giorno dei morti, nemmeno la memoria delle 85 vittime e dei 200 feriti della strage del 2 agosto 1980 è stata rispettata". (Bil/ Dire)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'oroscopo di agosto segno per segno: ecco cosa dicono le stelle

  • SuperEnalotto, la fortuna bacia Pianoro: vinti 18mila euro

  • Covid e gestione piscine, parrucchieri ed estetisti: siglata nuova ordinanza in Emilia-Romagna

  • Le 10 mostre di agosto da non perdere a Bologna

  • Temporale improvviso nel gran caldo, alberi caduti e allagamenti

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna 1 agosto: 10.400 tamponi e 56 nuovi casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento