Madri in rivolta: sit-in di protesta "contro la violenza istituzionale"

Alle 10 davanti al Tribunale sit-in di protesta contro la violenza istituzionale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Mercoledì 9 settembre alle ore 10 davanti al Tribunale di Bologna (via Farini, 1) si svolgerà Madri in rivolta, sit-in di protesta contro la violenza istituzionale e gli allontanamenti ingiustificati delle figlie e dei figli, sottratte/i alle madri con modalità indegne di un paese democratico e civile. Ecco le parole delle organizzatrici: «Dall’approvazione della Legge 54/2006 sull’affido condiviso si assiste, in nome del principio di bigenitorialità, all’imposizione del diritto astratto del padre. La vecchia ‘patria potestà’ propugnata per motivi apparentemente opposti sia dai sostenitori della “famiglia tradizionale” che da quelli della “retorica paritaria”, con enormi problemi non solo nelle separazioni giudiziali, ma anche nelle c.d. consensuali, con madri tenute sotto minaccia di segnalazioni ai servizi sociali, denunce al tribunale e possibile sottrazione dei figli. Il principio astratto della bigenitorialità, infatti, non tiene conto dell’asimmetria di potere tra i sessi, la violenza viene declassata a conflittualità di coppia e l’attaccamento materno considerato una malattia da curare. Ciò ha introdotto principi e pratiche molto discutibili: la bigenitorialità obbligatoria intesa a priori come “maggiore interesse del minore”; la conseguente degradazione dei minori ad oggetti di spartizione tra persone adulte; l’illusoria equivalenza dei ruoli di madre e padre e la negazione della specificità del legame materno. Una situazione che sta creando gli stessi enormi problemi in tutti i paesi in cui sono state adottate legislazioni simili, in Europa e Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda, Brasile. Chiediamo dunque l’abrogazione della Legge 54/2006, l’interruzione immediata di questa macelleria istituzionale contro le donne e i minori, nonché il rispetto del principio di tutela della salute psicofisica di adolescenti, bambine e bambini». La manifestazione, che oltre a Bologna si svolgerà in altre città d’Italia durante tutta la settimana, è organizzata da Collettivo Donne InCuranti, Collettivo Femminista Radicale Luna Rossa, Madri Unite contro la violenza istituzionale, Maternamente, MovimentiAMOci Vicenza, Onda Femminista Radicale, Terra di Lei Napoli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento