Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Smart city e innovazione digitale: Bologna regina delle città "intelligenti"

Un'indagine per misurare l'adozione di innovazioni "digital" e "green" legate al percorso dei comuni verso la Smart City assegna il primato alla nostra città

Un estratto dello studio

Bologna città più “smart” d’Italia, più di Milano, Roma, Torino e Firenze. Una misurazione di “Smart City Index 2013” realizzato da Beetwen, società che da 11 anni realizza l'Osservatorio sulla banda larga con l’obiettivo di misurare con criteri standard il livello di “smartness” dei 116 capoluoghi di provincia del nostro paese.

Between ha misurato la reale adozione di delle innovazioni “digital” e “green” legate al percorso dei comuni verso la Smart City.

Nove indicatori hanno premiato Bologna: diffusione della banda larga, alla presenza di servizi digitali, salute, istruzione, mobilità, efficienza energetica, risorse naturali, energie rinnovabili.

 In sintesi, secondo l’Index, le città metropolitane (Roma, Milano, Torino, Firenze) sono quelle più avanti nel percorso verso la realizzazione della città intelligente, con 8 di esse su un totale di 14 presenti nella top 20. Reggio Emilia è la media città italiana più avanzata in tema di “smartness”. Fra le città di piccole dimensioni, quelle più “green” e “digital” sono le lombarde. "Bologna è la città più avanti nel percorso verso la Smart City (= 100), non perché abbia tutte le innovazioni, ma perché ha, nel complesso delle aree tematiche considerate, più innovazioni delle altre città", si legge nello studio.

Bologna è prima praticamente in tutto, tranne che in risorse naturali (qui viene misurata la gestione dei rifiuti o la qualità dell'aria) ed energie rinnovabili (dotazione di fotovoltaico, eolico e idroelettrico).

COSA NE SANNO I BOLOGNESI DELLA "SMART CITY". "Se serve ai cittadini, bene così, se velocizza ad esempio i rapporti con gli uffici, è ottimo" dice a Bologna Today la sig.ra Rossana, 59 anni. "Pensino alle cose più serie" così il sig. Giovanni, 67 "da da mangiare alla gente, lavoro?" Cerchiamo di spieggargli: "Ah be' allora va bene, certo è che qui a forza di computer e internet, non si troverà più un falegname". "La città digitale è un obiettivo a cui puntare, purtroppo i cittadini spesso non riescono a capire il significato di banda larga, i miglioramenti che porta e il salto di tanti processi burocratici che fanno risparmiare tempo e soldi", a parlare un'insegnante di Inglese. "E' anche troppo tardi" per Sabrina, 25 anni "le città italiane sono lente a riguardo rispetto ad altre città del nord-europa. Ma accontentiamoci...". 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Smart city e innovazione digitale: Bologna regina delle città "intelligenti"

BolognaToday è in caricamento