Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Turismo, +51% di stranieri e 10mila posti di lavoro in cinque anni |VIDEO

Tra il 2013 e il 2018 i turisti sono cresciuti del +46%, gli stranieri in 5 anni sono aumentati del 51%

 

Se prima il turista veniva a Bologna solo di passaggio, e al massimo si fermava una notte, adesso, quello che si presenta in città - dopo cinque anni di investimenti nel settore - è un turista "consapevole" che sceglie Bologna per il suo patrimonio culturale e la usa come base per visitare le altre città. 

Questo il profilo del visitatore descritto oggi nella sede della Camera di Commericio di Bologna durante la presentazione del rapporto "Cinque anni di turismo a Bologna: i numeri del quinquennio 2013-2018", redatto da Camera di Commercio, Bologna Welcome, Comune di Bologna e Città Metropolitana.

I dati

Tra il 2013 e il 2018 nel capoluogo i turisti sono cresciuti del +46% e le presenze del +44%; contestualmente in Città metropolitana gli arrivi crescono del +46% e le presenze sono aumentate del +43%.

Sui cinque anni la crescita è del +51% e ha portato nel 2018 a un risultato di 717.000 visitatori internazionali a Bologna. Non male anche il resto del territorio metropolitano, visitato nel 2018 da 1.000.000 di viaggiatori stranieri.

A livello di provenienze di particolare rilievo la performance di statunitensi e britannici, che registrano rispettivamente +57% e +100% nel capoluogo, e degli australiani. Per quanto riguarda il mercato cinese negli ultimi anni si è assistito a una lenta trasformazione che ha visto la sostanziale diminuzione del turismo organizzato che passava a Bologna una sola notte di passaggio, e una lenta ma costante ascesa del turismo individuale.

Impatto economico

L’aumento dei flussi turistici ha contribuito alla nascita di nuove attività e posti di lavoro: oltre il 20% - degli occupati per il complesso delle attività di servizio legate all’ospitalità, ovvero ricettività, ristorazione, tour ed escursioni, guida e interpretazione, trasporti ecc. Nel 2018 si stima che gli occupati equivalenti tempo pieno nel settore turistico siano 42.900 per l’intera Città metropolitana.

Negli ultimi cinque anni l’occupazione nelle strutture ricettive è passata dal 56% al 70%, parallelamente sono cresciuti i prezzi e i ricavi medi per camera venduta.  Anche il 2019 sta confermando il trend positivo per il turismo a Bologna e nel territorio metropolitano. Particolarmente prospera in termini di arrivi e occupazione alberghiera è stata la stagione estiva: nel periodo giugno-agosto l’occupazione media delle camere si è attestata al 65,73%, crescendo del 16% dal 2013.

Bologna Welcome

Le rilevazioni effettuate nell’estate 2019 da Bologna Welcome all’interno dei punti di informazione vedono una vera e propria esplosione di interesse per le attività culturali e le proposte legate alla natura e all’outdoor. Cresce in maniera netta la richiesta per i tour legati ai punti di interesse culturali. Ai primi posti il walking tour di due ore alla scoperta dei luoghi iconici del centro storico, la Torre Asinelli, la salita a San Luca con trenino su ruote e le Bologna Welcome Card, in formato Easy e Plus, che consentono l’accesso gratuito ai principali musei. Si confermano molto amati i cammini sull’Appennino. La Via degli Dei ha venduto oltre 150 credenziali alla settimana e sono aumentate drasticamente le presenze lungo la Via della Lana e della Seta. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento