Cronaca

Bologna da lunedì diventa "zona bianca". Addio al coprifuoco

Cosa cambia dal 14 giugno? Ecco un riassunto con le nuove regole e le nuove aperture. Ciò che deve restare è l'attenzione alla diffusione del virus e quelle tre irrinunciabili regole: mascherina, distanziamento, uso di igienizzanti

Da lunedì 14 giugno Bologna, così come tutta l'Emilia-Romagna (e anche Lazio, Piemonte, Puglia e provincia autonoma di Trento) si colora di bianco aprendo quindi a nuve regole anti-Covid. Cosa cambia con il passaggio in zona bianca? Prima di tutto decade il coprifuoco, che si era recentemente ampliato fino a mezzanotte. Locali come bar e ristoranti potranno stare aperti senza limiti orari (al chiuso al massimo in 6 allo stesso tavolo); si potrà fare shopping nei centri commerciali anche nel weekend, riaprono le piscine termali e i parchi a tema. Al via i matrimoni, con green pass per gli invitati. Un'anticipazione su questo passaggio era già stata data dall'assessore Raffaele Donini, che ha insistito però sull'attenzione, perchè nonostante i numeri confortanti: "Il virus non è sparito". Ecco gli ultimi numeri sul covid a Bologna. 

Cosa cambia in zona bianca

Per chi si trova nella fascia più ambita, ricordiamo, saranno consentiti spostamenti senza limiti relativi agli orari o ai motivi dello spostamento, verso altre località della zona bianca; senza limiti di orario, verso tutto il territorio nazionale, se lo spostamento avviene per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute; verso località della zona gialla, senza doverne giustificare il motivo, nel rispetto delle specifiche restrizioni di orario previste per gli spostamenti in zona gialla e di quelle relative agli spostamenti verso le altre abitazioni private abitate; verso tutto il territorio nazionale, se la persona che si sposta è in possesso di una 'certificazione verde Covid-19' valida nel rispetto delle specifiche restrizioni di orario previste per gli spostamenti nella zona di destinazione.

Addio, come detto, al coprifuoco. Resta invece il divieto di assembramento e l'obbligo di mascherina, sia all'aperto sia al chiuso. Gli unici momenti in cui è possibile non indossare il dispositivo di protezione sono le cene e i pranzi, mentre si sta al tavolo. Per adesso è ancora in vigore il limite di quattro persone per tavolo, a prescindere dal colore della regione, a meno che i commensali non siano conviventi.

Vaccini, in Emilia-Romagna Open day con Pfizer e Moderna

Coronavirus Emilia-Romagna, il bollettino: +145 positivi in regione. Due morti e 26 casi a Bologna

Vaccini, Donini: "Ora convincere indecisi, pronti per seconde dosi in vacanza" | VIDEO

Dove fare il test covid? Nasce il portale #iomitesto

"Emilia-Romagna zona bianca, ma non abbassare la guardia" | VIDEO

VIDEO | Covid e trapianti di cuore eccezionali: "Così abbiamo scelto di agire pensando al meglio per i pazienti"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bologna da lunedì diventa "zona bianca". Addio al coprifuoco

BolognaToday è in caricamento