Cronaca

Bomba day a Bologna

GLI ARTIFICIERI DELL'ESERCITO PRONTI A DISINNESCARE UN ORDIGNO DELLA II GUERRA MONDIALE

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Cominceranno alle ore 09:30 di domenica 19 marzo p.v. le operazioni di "bonifica" dell'ordigno ritrovato durante la bonifica sistematica in un cantiere sito a Bologna, tra Via Larga e Via dell'Industria. L'ordigno, una bomba d'aereo del secondo conflitto mondiale del peso di 115 libbre (52 kg circa) di fabbricazione americana, in pessime condizioni di conservazione ma ancora attivo e caricato con circa 26 kg. di tritolo, è stato subito posto in sicurezza dagli artificieri dell'Esercito effettivi al Reggimento genio ferrovieri. L'operazione, diretta e coordinata dalla Prefettura di Bologna sarà complessa e delicata e vedrà il suo svolgimento in due fasi: la prima, prevede la rimozione delle spolette anteriori e posteriori mediante l'impiego di un estrattore meccanico comandato a distanza; la seconda fase, vedrà il brillamento del corpo bomba privo di inneschi presso una cava viciniore. Per garantire l'incolumità delle persone e delle infrastrutture circostanti, il Comune di Bologna ha stabilito, con apposita ordinanza, l'evacuazione di circa 3400 persone residenti nel raggio di 500 metri dal luogo del ritrovamento, nonchè l'interdizione entro tale raggio, della circolazione veicolare e pedonale sino al termine delle operazioni. L'esperienza degli specialisti dell'Esercito in forza al Reggimento genio ferrovieri Bologna è testimoniata dagli oltre 50 interventi svolti dall'inizio dell'anno nella propria area di competenza che oltre la provincia di Bologna comprende tutta la Regione Marche e le province di Prato, Firenze ed Arezzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

BolognaToday è in caricamento