menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti Roma in Emilia, replica Gazzolo: "Borgonzoni analfabeta sul tema"

Ancora polemiche sulla questione rifiuti sulla quale ieri si sono scontrati i candidati alla presidenza della Regione

"Chi lancia allarmi deve ricordare che può farlo se ha fatti e numeri che sostengano le proprie tesi. Ascoltando le dichiarazioni della senatrice Lucia Borgonzoni, mi pare che queste manchino completamente della necessaria alfabetizzazione".

Così l'assessora all'Ambiente dell'Emilia-Romagna, Paola Gazzolo, replica alle accuse della candidata leghista sull'arrivo in regione dei rifiuti romani, che su questo argomento si è scontrata ieri col governatore Stefano Bonaccini. "Borgonzoni probabilmente non ha tutte le informazioni necessarie per affrontare il tema - afferma Gazzolo - massimo rispetto per le sue opinioni, ma ci sono temi per i quali non basta lanciare slogan se si vuole affrontarli seriamente. E lo smaltimento dei rifiuti è uno di questi".

In particolare, l'assessore afferma che "nessuno vuole i rifiuti per strada e l'Emilia-Romagna è autosufficiente in questo campo. Ed essere autosufficienti significa che i rifiuti in ingresso e quelli in uscita devono comunque corrispondere a un fabbisogno complessivo regionale. Anche i rifiuti speciali delle nostre imprese escono per essere recuperati dove ci sono gli impianti adatti. Vorrei quindi rassicurare la senatrice Borgonzoni che qui nessuno sta facendo nulla di diverso da quello che dicono le leggi e le norme in materia". Anzi, assicura Gazzolo, "in Emilia-Romagna abbiamo indubbiamente scelto di rendere trasparente i flussi a tutti i nostri cittadini".

In Emilia-Romagna, spiega ancora l'assessora, "esiste un Piano regionale dei rifiuti approvato nel 2016, che è sovraordinato. E non basta un cambio di un'amministrazione comunale per modificarlo". L'assessora ci tiene poi a ricordare che "i rifiuti speciali sono a libero mercato e questo è un dato di fatto con il quale bisogna fare i conti".

"Non mi pare che la Lega abbia mai chiesto di cambiare le norme in questo senso e nemmeno sul tema dello smaltimento dei rifiuti, né mi pare che abbia fatto qualche proposta organica per risolvere i problemi di Roma e del Paese e men che meno abbia approvato la nostra richiesta di autonomia differenziata, che ci avrebbe permesso di far rientrare nelle competenze regionali anche l'ingresso di rifiuti urbani trattati".

Secondo Gazzolo, dunque, "non è il presidente Bonaccini a confondere le carte su questo tema. È che Borgonzoni continua a non cogliere i termini del problema. Sono disponibile anche a confrontarmi direttamente con lei, se lo ritiene. Oppure chieda a qualche collega assessore regionale come avviene la gestione del ciclo integrato dei rifiuti nelle Regioni del nord". (Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento