menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

6 chili di marijuana in casa: due arresti della Squadra mobile a Budrio e Monghidoro

Avevano classificato e conservato l'erba all’interno di barattoli di vetro, ordinandola e catalogandola a seconda della qualità

La squadra mobile ha arrestato due cittadini italiani, T.S. 64enne, già pregiudicato, e P.L., 25 anni. Nelle rispettive abitazioni di Budrio e Monghidoro avevano allestito, come fa sapere la Questura, centrali dello spaccio di marijuana.

Le indagini della Squadra Mobile, IV Sezione contrasto al crimine diffuso, sono partite dalle segnalazioni di movimenti sospetti nelle abitazioni facendo scattare così le perquisizioni. 

Droga, 26enne ai domiciliari spaccia cocaina sul pianerottolo

In entrambe le abitazioni gli agenti hanno trovato un ingente quantitativo di marijuana, per un totale di sei chilogrammi, che i due spacciatori avevano classificato e conservato all’interno di alcuni barattoli di
vetro, ordinandola e catalogandola a seconda della qualità della sostanza stupefacente.
Una volta immessa sul mercato, la marijuana avrebbe fruttato circa 70.000 euro.

Nella sua abitazione di Budrio inoltre, T.S. aveva allestito una serra per la coltivazione dell'erba; gli agenti hanno rinvenuto, inoltre, 4,8 kg di marijuana, suddivisa in buste sottovuoto, vasi e barattoli e materiale per il confezionamento. 

Nell’abitazione di P.L., invece, oltre a 800 grammi circa di marijuana, conservati all’interno di buste sottovuoto, barattoli classificati per qualità e altre confezioni, sono stati trovati un bilancino di precisione e del materiale per il confezionamento della sostanza.

Sono stati tratti in arresto e la Procura ha disposto la traduzione in carcere in attesa della convalida. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento