Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Violenza sugli autobus: telecamere in arrivo sulle linee notturne

Si partirà con l'installazione di telecamere sul 61 e 62, i bus che attraversano Bologna di notte e che sono quelli più a rischio. Poi toccherà a tutti gli altri bus, compatibilmente con le risorse necessarie, fino a coprire l'intero parco mezzi

Telecamere sugli autobus come deterrente per i malintenzionati. È quanto prevede il protocollo firmato ieri tra la Prefettura, il Comune di Bologna e l'azienda di trasporto pubblico Tper. Un passo verso le nuove tecnologie e un impegno in più per la sicurezza, spiega la presidente di Tper Giuseppina Gualtieri. Dati alla mano, nel 2014 si sono contati circa 150 episodi di diverbi tra utenti e verificatori: di questi, una settantina sono quelli sfociati in denunce vere e proprie. Quanto agli autisti, quelli aggrediti sono stati una quarantina, mentre cinque è' il numero di verificatori che sono stati denunciati da cittadini.

Oltre alle telecamere (sui bus notturni come il 61 e il 62 dovrebbero arrivare entro l'anno), il protocollo prevede anche un coordinamento tra Prefettura e Comune per migliorare la collaborazione tra forze dell'ordine e razionalizzarne l'impiego per la prevenzione e repressione dei reati a bordo del bus. Spiega infatti il prefetto Ennio Mario Sodano: "Dobbiamo impegnarci a non sottrarre risorse al territorio, è capitato in passato che ci siano stati molti interventi della Polizia per episodi sui bus, anche per cose di poco conto. Il nostro impegno andrà nel senso di un maggior coordinamento". Non solo: le forze dell'ordine parteciperanno ai seminari di Tper per formare gli autisti e i verificatori su come affrontare le situazioni di emergenza.

Infine, in Prefettura sarà creato un tavolo tecnico permanente per individuare le linee più a rischio e studiare possibili soluzioni. Le telecamere che verranno installate a bordo dei bus (circa tre o quattro per mezzo per un costo di 5.000 euro ad apparecchio, piu' la manutenzione) si vanno ad aggiungere a quelle già presenti sui mezzi Tper che sono puntate sulla cabina di guida a tutela dell'autista.

Inizialmente, si partirà con i bus notturni, quelli in servizio dall'1 alle 5 nella fascia denonimata ''nottissima'': entro fine anno, spiega oggi Gualtieri, sarà coperto un numero sufficiente di mezzi per le corse notturne e a rotazione si andrano a coprire anche quelle serali. Poi toccherà a tutti gli altri bus, compatibilmente con le risorse necessarie, fino a coprire l'intero parco mezzi. "L'impegno c'è fin da ora, poi cercheremo di capire se a livello nazionale arriveranno delle risorse per i nuovi investimenti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza sugli autobus: telecamere in arrivo sulle linee notturne

BolognaToday è in caricamento