rotate-mobile
Cronaca Savena / Via Due Madonne

Bus ecologici, in via Due Madonne il nuovo distributore di GNL

Nell'ambito dei programmi antismog: stanziati 900 mila euro, di cui 420mila euro dalla Regione

Una stazione di rifornimento Gnl (Gas naturale liquefatto) verrà realizzato da Tper nel deposito di via Due Madonne. Sono gli interventi previsti nell'ambito dei programmi antismog da 900 mila euro di cui 420mila euro dalla Regione.

Quindi, nuovi bus elettrici e stazioni di rifornimento carburante a basso impatto ambientale nei depositi di Bologna, Ferrara e Forlì. La Regione ha stanziato oltre 1,8 milioni di euro "con l’obiettivo di promuovere la transizione energetica in tutta l’Emilia-Romagna puntando su biometano, elettrico, metano Gnl, mobilità sostenibile ed efficienza energetica", fanno sapere da viale Aldo Moro, risorse del Fondo nazionale di sviluppo e coesione a favore delle aziende del trasporto pubblico Start Romagna per la Romagna e Tper per il bacino di Bologna e di Ferrara.

Trasporto sostenibile: 34 nuovi bus ibridi a metano per andare verso il 2030

Le aziende hanno risposto  alla manifestazione di interesse pubblicata dalla Regione e presentato progetti che riguardano l’acquisto di bus elettrici e l’installazione nei depositi di distributori di carburante (gas naturale liquefatto, Gnl, meno inquinante e non derivato dal petrolio) e di stazioni di ricarica elettriche.  

“La transizione ecologica impone un ripensamento a tutto il settore dei trasporti e in particolar modo alle azioni per lo sviluppo di una mobilità sempre più sostenibile- commenta l’assessore regionale a Infrastrutture, Mobilità, Trasporti, Andrea Corsini-. Con questo intervento diamo risposta ai progetti delle aziende del trasporto pubblico locale, in un quadro più ampio di pianificazione territoriale così come indicato dal Piano regionale integrato dei trasporti (Prit 2025)”.

“Stiamo coordinando le azioni per abbattere le emissioni inquinanti- prosegue Corsini- favorendo ulteriormente l’impiego di carburanti ecologici e la transizione energetica delle flotte destinate a servizi di pubblica utilità, in linea con quanto previsto dal Patto per il Lavoro e per il Clima che la Regione ha sottoscritto con tutte le parti sociali, e per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030”.

Il finanziamento, su un investimento complessivo di 3,8 milioni di euro da parte delle Aziende Tpl e di altri fondi nazionali, rientra nel Piano di sviluppo e coesione della Regione Emilia-Romagna - ex programmazione Por Fesr 2014-20 - nell’ambito delle azioni per lo sviluppo della mobilità mediante veicoli a basse emissioni e per favorire la realizzazione di adeguate reti di ricarica e rifornimento. Le Aziende dovranno ora indire le gare per l’acquisto dei mezzi e l’impianto dei distributori.

Un’altro distributore di gas Gnl sarà installato a Ferrara, sempre a cura di Tper, nel deposito di via Trenti: valore dell’intervento 900 mila euro di cui 380 mila di contributo regionale.

Infine, Start Romagna a Forlì acquisterà tre autobus elettrici e collegherà le relative postazioni di ricarica elettrica nel deposito di via Pandolfa. Sarà collocata anche una stazione di rifornimento Gnl per una spesa complessiva di 2 milioni di euro, di cui un milione di fondi regionali.

Ambiente: a Bologna 700mila euro per 33 mezzi a basso impatto

Enjoy e Itabus: accordo per una mobilità integrata e sostenibile 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bus ecologici, in via Due Madonne il nuovo distributore di GNL

BolognaToday è in caricamento