Sabato, 20 Luglio 2024
Cronaca

Zaino in spalla e sfide personali: i cammini più belli (e millenari) nei dintorni di Bologna

Cammini millenari che aprono a scenari con effetto sorpresa: alla scoperta di Via degli Dei, Via della Lana e della Seta, Cammino di Sant'Antonio, Alta Via dei Parchi, Piccola Cassia, Via Mater Dei

Zaino in spalla, scarpe comode e una piccola scorta di acqua e cibo: questo è tutto quello che serve per trasformare dei giorni liberi in una esperienza a caccia di luoghi e camminate da scoprire. Perchè per viaggiare non serve andare lontano. Una mappa che include alcuni dei cammini più belli e suggestivi della nostra zona, gli stessi che attirano nel bolognese tanti appassionati di sfide (a ognuno il suo livello, i suoi tempi e le modalità): Via degli Dei, Via della Lana e della Seta, Cammino di Sant'Antonio, Alta Via dei Parchi, Piccola Cassia, Via Mater Dei. Promossa da Destinazione turistica Bologna metropolitana e realizzata da Bologna Welcome, la mappa uffiale è stata scritta sia in italiano che in inglese e contiene, oltre al tracciato, informazioni utili e il dettaglio delle tappe di ciascun cammino. Eccola qui: 

MAPPA CAMMINI BOLOGNESI-2

Via degli Dei (125 km): dal centro di Bologna al centro di Firenze

La Via degli Dei è un itinerario millenario che collega il centro di Bologna con quello di Firenze, attraversando l'Appennino Tosco-Emiliano. Prima gli Etruschi, poi i Romani utilizzarono questo percorso come collegamento tra le due città. Oggi è ancora possibile ammirare i tratti della strada Flaminia Militare, risalente al 187 a.C. per volontà del console romano Caio Flaminio.
Via della Lana e della Seta (132 km)

Cammino di Sant’Antonio (122/145 km): fede e spiritualità

Il Cammino di Sant’Antonio si sviluppa tra tre regioni Veneto, Emilia-Romagna e Toscana con un percorso che unisce importanti centri di spiritualità, di fede e luoghi meno conosciuti dove il Santo visse e professò la fede agli inizi del XII secolo. Le tappe che interessano la Città metropolitana di Bologna sono cinque e attraversano i vasti territori della Pianura per giungere in quelli dolci dell’Imolese. 

Cammini: rinasce la via dei Brentatori, un incantevole percorso tra le colline

Piccola Cassia (144/150km): così i Romani andavano in pianura Padana 

Il cammino ripercorre quel tratto d’Appennino che i Romani utilizzavano per raggiungere la Pianura Padana centrale salendo da Pistoia in direzione di Modena e Bologna. Dal 476 all’anno 1000 circa, diventò una strada longobarda ovvero uno dei vari itinerari che portavano a Roma congiungendosi con la via Francigena. Percorrendola in direzione Roma, si rivela un cammino ricco di testimonianze storico-religiose caratterizzato da un paesaggio rurale e naturale interessante e mutevole.

Alta Via dei Parchi (143 km): i più verdi dei paesaggi 

Un itinerario lungo 493 km che si snoda lungo il crinale appenninico dell’Emilia-Romagna e della Toscana e giunge sino nelle Marche, collegando trasversalmente tutti i Cammini e le Vie di Pellegrinaggio che attraversano la regione. Partendo dalla tappa del Lago Scaffaiolo si attraversano due Parchi Regionali, quello del Corno alle Scale e dei Laghi di Suviana e Brasimone, sino ad immergersi nella bellezza paesaggistica del Parco della Vena del Gesso Romagnola

Via Mater Dei: la strada per trovare l'armonia e la serenità

La Via Mater Dei è il cammino che unisce alcuni fra i principali santuari mariani del Bolognese, attraverso molte aree di interesse storico, naturalistico e culturale dell’Appennino. Un percorso di sette tappe in cui si alternano crinali e vallate. Dal cuore di Bologna, un itinerario in cui si fondono spiritualità, cultura, tradizione e bellezza del territorio: un cammino di grande impatto emotivo per ritrovare serenità e armonia con la natura.

Quando si fanno i cammini? 

Gli itinerari descritti sono percorribili nel corso di tutto l'anno. Un'attenzione particolare dev'essere prestata nei periodi estivi (luglio-agosto) date le alte temperature e quelli invernali (novembre-marzo) per pericolo ghiaccio e nevicate soprattutto nella zona appenninica. 

5 consigli per affrontare i cammini: 

1) Prima di partire consulta il meteo, in particolare se il cammino attraversa l'area appenninica.
2) Cerca di partire nelle prime ore della giornata.
3) Rispetta la flora, la fauna e non abbandonare rifiuti lungo il percorso.
4) Informa sempre qualcuno delle tappe che stai percorrendo, soprattutto se parti da solo e ti muovi in area appenninica.
5) Porta con te la cartoguida e la credenziale che puoi acquistare a eXtraBO, l'InfoPoint ufficiale di Bologna dedicato alle attività outdoor.

Numeri di emergenza e siti web utili

Vigili del fuoco 115

Soccorso Alpino Emilia Romagna 800 848088

Corpo Forestale dello Stato 1515

CAI –Club Alpino Italiano Sezione di Bologna +39 051 234856

GEV–Guardie Ecologiche Volontarie di Bologna +39 051 6347464

(fonte: BolognaWelcome)

Vacanze zaino in spalla: 5 avventure imperdibili in Italia per l'estate 2024

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaino in spalla e sfide personali: i cammini più belli (e millenari) nei dintorni di Bologna
BolognaToday è in caricamento