Mercati chiusi, Campi Aperti protesta in via del Pratello

A partire dalle 11 l'area del mercato sarà recintata e l'ingresso contingentato con un solo gazebo montato e preparato con 'nulla'

Foto Campi Aperti

Una sporta vuota, un cartellone con un messaggio al Comune, un fiore. Non importa quale oggetto si porterà, l'associazione Campi Aperti di Bologna, che gestisce anche l'ominimo mercato contadino in città, questa mattina invita i cittadini a portare un oggetto simbolico da lasciare davanti al cancello di piazza San Rocco, dove si sarebbe svolto il mercato, per "manifestare il proprio dissenso rispetto alla decisione del Comune di chiudere i mercati contadini in città".

"A partire dalle 11 infatti, l'area del mercato, sarà recintata e l'ingresso contingentato con un solo gazebo montato e preparato con 'nulla'", scrive Campi Aperti in un post su Facebook, chiedendo a quante più persone possibile di partecipare all'iniziativa simbolica.

La mattinata culminerà in una conferenza stampa "per denunciare il trattamento subito e l'imposizione, tramite un tweet, di una misura restrittiva che, di fatto, si configura come un favore alla grande distribuzione organizzata (Gdo), e come una riduzione della possibilità di diluire gli assembramenti per fare la spesa alimentare". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento