Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca Navile / Via Stalingrado

Sgomberati i campi abusivi del Pilastro e Stalingrado: ma spuntano altre baracche poco più in là

Rimane una grande quantità di immondizia al grande insediamento del Pilastro sgomberato, mentre in via Stalingrado spunta un altro campo

Il campo del Pilastro oggi - Foto L.B.

"Episodi intollerabili, perchè oltre a rappresentare una seria criticità dal punto di vista sanitario e ambientale, spesso mettono a rischio anche l'incolumità di minori", così aveva risposto a Bologna il presidente del Quartiere San Donato Simone Borsari che interpellammo sugli insediamenti abusivi della zona e soprattutto del più grande e degradato, quello del Pilastro.

Lo avevamo visitato lo scorso gennaio, insieme ad altri, tanti, insediamenti abusivi in città: una distesa di auto, roulotte, baracche e immondizia, rottami, detriti e materassi. E un grande viavai di autocarri carichi di mercanzie di ogni tipo, elettrodomestici e tubature, dai quali presumibilmente vengono ricavati i fili di rame che i rom rivendono.

Ora quel campo è stato sgomberato: non ci sono più persone ma rimane solo un'immensa quantità di rifiuti e la proprietà "deve ottemperare all'ordinanza comunale che ha imposto la bonifica dell'area. E La bonifica deve avvenire contestualmente allo sgombero degli occupanti abusivi“, proprio come ci aveva confermato il Presidente Borsari.

VIA STALINGRADO. Anche l'insediamento al civico 75 di via Stalingrado è stato sgomberato qualche giorno fa: la Polizia Municipale si era già attivata "per instaurare un canale di comunicazcamp romione con la società privata proprietaria del terreno", confermava il Presidente del Quartiere a gennaio. Ma, da alcune segnalazioni, le baracche sono spuntate pochi metri più il là... "O iniziamo ad applicare in modo ferreo le regole o non cambierà mai nulla!" dichiara la consigliera comunale della Lega Lucia Borgonzoni.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgomberati i campi abusivi del Pilastro e Stalingrado: ma spuntano altre baracche poco più in là

BolognaToday è in caricamento