menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Deputato M5S al canile di Calderara: "Condizioni inaccettabili per i cani da caccia"

Blitz nel canile di Calderara di Bernini accompagnato dai Carabinieri, la decisione dopo alcune segnalazioni di maltrattamenti: "Presenterò invece un esposto per quanto riguarda la parte adibita ad allevamento"

Il deputato del Movimento 5 Stelle Paolo Bernini, fa sapere che dopo aver ricevuto diverse segnalazioni riguardanti il canile "de Zagnis" di Calderara di Reno, ha partecipato a un blitz insieme all'Arma: "Accompagnato dai Carabinieri della locale stazione di Calderara di Reno, pochi giorni fa mi sono recato presso il canile per verificare di persona la situazione e le condizioni di detenzione degli animali"

Spiega poi il deputato grillino: "È bene precisare che la struttura che percepisce fondi pubblici, funge sia da canile convenzionato con numerosi comuni della zona, tra cui San Pietro in Casale, e altri del Sud Italia; sia da allevamento di cani da caccia".

I box della parte adibita a canile presenterebbero secondo Bernini alcune difformità rispetto alla normativa vigente: "Ma in base al Dgr n 1302 del 2013, della Regione Emilia Romagna, il gestore ha beneficiato della proroga; quindi per adeguare la struttura ha tempo fino al 31/12/2020 . Ho potuto inoltre constatare una discreta presenza di volontari afferenti a diverse associazioni, intenti nella pulizia e nella socializzazione degli animali. Anche il numero di adozioni annue, circa 1300 da come mi è stato riferito dallo stesso gestore, è sinonimo di un modello gestionale vincente che permette ai comuni di risparmiare fondi destinati al mantenimento quotidiano dei cani di loro proprietà".

"Presenterò invece un esposto per quanto riguarda la parte adibita ad allevamento: un edificio al centro del canile, colmo di box di piccole dimensioni, in cui sono detenuti tantissimi cani da caccia, soprattutto setter, perennemente tenuti al chiuso, ai quali è impossibile respirare aria fresca o riscaldarsi al sole. Tra l'altro, sebbene nessun cane sia apparso particolarmente denutrito o ferito, molti di essi presentavano comportamenti a mio avviso stereotipati, poichè intenti a girare convulsamente su se stessi" asserisce il Deputato Paolo Bernini.

"All’uopo corre l’obbligo d precisare che l’allegato delibera n. 353/2013 al punto 2.6 testualmente recita: nelle strutture adibite a ricovero per gatti e cani deve essere garantita la separazione fisica da eventuali altre attività private gestite nello stesso complesso. Nel caso di ispecie si è invece potuto constatare una coesistenza dell’attività privata con la realtà della struttura adibita a canile." - afferma l'Avvocato Rosaria Loprete.

LA CACCIA NON PUO' GIUSTIFICARE UN TRATTAMENTO SIMILE. "Spero, pertanto, in un rapido intervento degli organi preposti affinché siano garantite condizioni di vita migliori anche ai Setter presenti nell'allevamento. Non puó la caccia giustificare un tale trattamento degli animali, sebbene sia ormai risaputo che sorte ben peggiore spetti agli esemplari che non sappiano scovare le prede. L'invito è di adottare i meticci, perché il prezzo più alto per ogni cucciolo di razza acquistato, lo paga la fattrice: sfruttata per una vita intera".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento