Principio di incendio in carcere: "Agente aggredito da un detenuto"

Il Sinappe denuncia il caso e chiede l'allontanamento del soggetto

Un principio di incendio, nella serata di ieri ha avuto luogo in una cella del carcere della Dozza, dove a prendere fuoco è stato il materasso di una cella. Ad agire, secondo quanto riportato dal sindacato di polizia penitenziaria Sinappe, è stato un detenuto 32enne, che poco prima aveva aggredito un agente penitenziario.

Il fatto si è verificato all’interno della sezione penale. Il 32enne, "noto per i numerosi agiti auto ed etero-aggressivi" si legge in una nota del Sinappe, avrebbe "spintonato e minacciato di morte" la guardia durante la fase conclusiva della finestra a 'celle aperte' della sezione.

Successivamente, sempre lo stesso detenuto, ha appiccato il fuoco al materasso della sua cella, fiamme estinte quasi subito dal personale penitenziario.

"Questi episodi sono intollerabili e meriterebbero risposte immediate, ad esempio, l’allontanamento del detenuto in un altro istituto" è il commento del sindacato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento