menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ancora violenza alla Dozza: "Aggressore seriale, trend sempre crescente"

Un altro agente ferito dallo stesso detenuto

Ennesima aggressione al personale di Polizia penitenziaria da parte dello stesso detenuto al carcere della Dozza. Lo rende noto il sindacato Sinappe che ha nuovamente scritto alle autorità competenti. 

"Episodi in rapida successione che hanno spinto la scrivente a chiedere all’Amministrazione Regionale l’immediato spostamento del detenuto in un’altra struttura penitenziaria capace di contenere le istanze violente del facinoroso che potremmo definire come un aggressore seriale", scrive il sindacato Polpen "non è solo la gravità degli eventi, in termini di esiti, a preoccuparci quanto piuttosto il trend sempre crescente di atti etero-lesivi ad allarmare il Si.N.A.P.Pe che da tempo si batte al fine di ottenere condizioni di lavoro che contemplino maggiore sicurezza per il personale".

Per Sinappe non vale il richiamo al “rischio professionale, quando l’esito di quel dato evento mina l’incolumità fisica di coloro che quotidianamente servono lo Stato. Serve una maggiore e più incisiva forma di tutela, una riscrittura di dinamiche penitenziarie che, pur esaltando il principio rieducativo/trattamentale della detenzione, non affossino il concetto di sicurezza, interna ed esterna - scrive il sidnacato - serve maggior coraggio, da parte dell’Amministrazione Penitenziaria, affinché i detenuti facinorosi seguano un percorso (riabilitativo) differenziato rispetto agli altri per la tutela dell’incolumità degli altri detenuti nonché del personale di Polizia penitenziaria".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • WeekEnd

    I 10 eventi da non perdere questo weekend

  • Attualità

    Imola, McDonald’s e Fondazione Ronald McDonald donano pasti gratis

Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento