Carcere Dozza: niente stipendio per le lavoratrici della mensa

Le addette non hanno ricevuto né lo stipendio di novembre, né la tredicesima mensilità

Non hanno ricevuto né lo stipendio di novembre, né la tredicesima mensilità le lavoratrici della mensa interna al carcere Dozza di Bologna. A denunciarlo Filcams Cgil che riferisce che il servizio di ristorazione gestito in appalto dall'azienda bergamasca J.D Service non eroga il salario alle 5 addette, si legge su"Rassegna Sindacale", il periodico sindacale italiano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Esasperate da mesi di continui ritardi nel pagamento delle loro retribuzioni. All'oggi infatti non hanno ancora ricevuto né lo stipendio di novembre, né la tredicesima mensilità", si legge in una nota. “Abbiamo mandato l'ennesima richiesta di pagamento, sia alla J.D Service che direttamente alla direzione della casa circondariale. E' veramente un paradosso che lavoratrici operanti in un appalto del ministero della Giustizia abbiano tutte queste difficoltà nel percepire quanto gli è dovuto” 
spiega Daniela Dessì della Filcams Cgil. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

Torna su
BolognaToday è in caricamento