Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Massimo, caregiver dal 2011: "La solitudine moltiplica la malattia"

Secondo i dati Istat 2019, i caregiver sono per la maggior parte donne tra i 45 e i 64 anni, che nel 60% dei casi hanno dovuto lasciare il lavoro

 

Massimo Turrini ha 67 anni, pensionato, figlio unico. Dal 2011 si prende cura di sua madre, affetta da demenza senile. È un cosiddetto caregiver, appunto un familiare che assiste un disabile o ammalato. A Bologna ce ne sono circa 10mila, questa la stima di Palazzo D'Accursio. 

Secondo i dati Istat 2019, i caregiver sono per la maggior parte donne tra i 45 e i 64 anni, che nel 60% dei casi hanno dovuto lasciare il lavoro. È proprio a loro che si rivolge direttamente il nuovo progetto di Palazzo D'Accursio, presentato la scorsa settimana, con un investimento di un milione di euro all'anno sul triennio 2020-2022. Le azioni sono destinate a chi si occupa di familiari per necessità assistenziali dovute a età, a patologie di deterioramento cognitivo e disabilità.

Proprio come Massimo, che pensa possa essere utile per lui e sua madre avere un punto di ascolto. "Anche solo parlare con lei – dice a BolognaToday – mi fa sentire meglio. Viviamo in una regione esemplare, è vero, però se ci fosse una cosa che le istituzioni potrebbero fare è una presenza anche mensile – continua – professionale di una persona che prova a sfruttare i margini di miglioramento della persona ammalata. Succede spesso che io non sono il figlio e come me tutti i caregiver, diventiamo le persone a cuid are la colpa se le cose non vanno bene. Il punto d'ascolto del Comune? È assolutamente positivo: chiedere un parere a una persona esterna può aiutare anche nel non perdere l'autorevolezza".

Le azioni del Comune

Si tratta dell'attivazione di un punto di ascolto, informazioni utili e suggerimenti per affrontare le situazioni percepite come emergenziali ma poi anche un servizio pensato per aiutare i caregiver nella gestione delle pratiche burocratiche e nel disbrigo delle commissioni quotidiane, come la spesa a domicilio e il ritiro delle ricette mediche. Da giugno saranno messi a disposizione mezzi di trasporto e accompagnatori per le persone che hanno bisogno, ad esempio, di sopporsi a visite mediche o di andare all'ufficio postale o che devono muoversi per svolgere attività di socializzazione.

A settembre, poi, verrà attivato un ulteriore servizio di supporto che, in particolare, aiuterà l'incrocio tra domanda e offerta per l'individuazione di assistenti familiari. Sempre in quel periodo, infine, partirà l'ultima azione del progetto finalizzata a sostenere i caregiver nella pulizia e la manutenzione degli alloggi, individuando percorsi facilitati sul mercato.

Le sigle sindacali dei pensionati sono soddisfatte per l'accordo e – come dice Sergio Palmieri della Fnp-Cisl – siamo di fronte a un accordo innovativo perché va incontro a bisogni non completamente conclamati ma che esistono e pesano in maniera molto forti sia sui caregiver che sulle reti familiari". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento