menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Casa delle Donne compie 30 anni: crowdfunding per un murales solidale e contro la violenza

La “Casa delle Donne per non subire violenza Onlus” è un'associazione nata nel 1985 da un gruppo di donne femministe che ha deciso di riunirsi  avviando un dibattito sulla violenza di genere

Trent'anni per contrastare le violenze sulle donne e dare sostegno a quelle che l'hanno subita. Questo fa “Casa delle Donne per non subire violenza Onlus” dal 1985, che poi nel '90 si è costituito associazione e nel corso degli anni ha sviluppato diversi servizi e attività: oltre all'accoglienza e all'ospitalità per le donne e i loro figli, il sostegno psicologico, il servizio di orientamento al lavoro e i percorsi di protezione e inclusione per le donne migranti vittime di tratta.

La “Casa delle Donne per non subire violenza Onlus” è nata da un gruppo di donne femministe che ha deciso di riunirsi  avviando un dibattito sulla violenza di genere. L'attività è iniziata nel 1985, quando a Bologna si sono verificati tre casi di stupro di tre ragazze minorenni: è nata così l'idea di una struttura cittadina in grado di accogliere e aiutare concretamente le donne che subiscono violenza. 

Il progetto del murales da donare alla città di Bologna

Per celebrare il trentesimo anniversario dall'inizio dell'attività, la Casa delle Donne ha deciso di avviare un nuovo e importante progetto, in collaborazione con Cheap Festival, nato nel 2013 come collettivo di lotta femminista e composto da artiste che credono nell’emancipazione: un murales, per donare alla città di Bologna un messaggio di aiuto, solidarietà e femminismo che la Casa porta avanti da tanti anni. 

Il murales verrà realizzato da TO/LET, un duo di artiste femministe che rientra tra le organizzatrici del Cheap Festival. La Casa delle Donne ha deciso di lanciare una campagna di crowdfunding su Produzioni dal Basso - prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation - per coprire una parte delle spese necessarie per la realizzazione del murales. Tutti coloro che decideranno di contribuire con una donazione verranno ringraziati con alcuni gadget, come una borraccia con i recapiti dell'associazione, un poster di Cheap, una shopper o il KIT dell’attivista.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

Covid-19: ecco i 5 DPI più efficaci per contrastarlo

social

Tortelli di Canevale: la ricetta dello chef Stefano Barbato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento