Ristrutturazione case popolari: in arrivo 10 milioni

Il finanziamento per ogni intervento, da completare entro e non oltre 120 giorni dalla concessione del contributo, va da un minimo di 5.000 euro a un massimo di 25.000 per i lavori più complessi

Dieci milioni di euro per il 2020, per i Comuni e le Unioni, per far partire in tempi rapidi i lavori di manutenzione, ordinaria e straordinaria delle case popolari presenti in Emilia-Romagna.

Sono il frutto dell'ok, dato oggi dall'Assemblea legislativa, al "Programma straordinario 2020-2022 per il recupero ed assegnazione di alloggi di Edilizia residenziale pubblica (Erp)". Dunque, "può partire a tutti gli effetti" un piano "che riconosce la casa come bene primario e il diritto all'abitare- commenta Elly Schlein, vicepresidente con delega alle Politiche abitative- vogliamo dare, in tempi rapidi, una casa a chi ne ha diritto ma ancora non ce l'ha, ma anche sostenere il settore dell'edilizia, in crisi da tempo, con lo svolgimento di interventi di manutenzione e ristrutturazione".

Garantire il diritto alla casa, aggiunge, serve "a contrastare le diseguaglianze, sostenere le fasce più deboli e dare una risposta concreta anche a chi si è trovato in difficoltà a causa dell'emergenza sanitaria". Ora ci sarà la ripartizione delle risorse tra i Comuni e un bando per la realizzazione degli interventi.

I Comuni e le loro Unioni potranno anche cofinanziare gli interventi e avvalersi delle Acer o di altri soggetti gestori con cui abbiano convenzioni. I lavori interesseranno alloggi sfitti da rendere agibili per essere assegnati in fretta; si va dalla ristrutturazione a messa a norma degli impianti elettrici e di riscaldamento o sostituzione degli infissi per migliorare l'efficienza energetica.

Il finanziamento per ogni intervento, da completare entro e non oltre 120 giorni dalla concessione del contributo, va da un minimo di 5.000 euro a un massimo di 25.000 per i lavori più complessi. I Comuni dovranno poi entro ulteriori 60 giorni assegnare gli alloggi recuperati a nuovi nuclei famigliari presenti nelle graduatorie.

Secondo la Lega, però, "non tornano i conti della Giunta regionale che, con un investimento annunciato di 10 milioni di euro per il solo 2020, ci ha detto che vuole rendere disponibili un terzo degli alloggi popolari ora vuoti in regione. Prevedendo una spesa media di 20.000 euro per alloggio, saltano fuori 500 alloggi rimessi a nuovo, mentre quelli liberi, a livello regionale, sono 6.500", obietta il consigliere regionale della Lega Simone Pelloni, "Il tema interessa anche noi- ha precisato Pelloni- ma va affrontato in modo serio, con un piano pluriennale, senza spot dal sapore elettorale. Anche perché questi alloggi hanno bisogni di manutenzione vera anche dal punto di vista della accessibilità, come le barriere architettoniche, e dell'efficientamento energetico. Altrimenti rischiamo di mettere a disposizione di chi è in liste di attesa sempre più lunghe, alloggi ad affitto calmierato, ma costosi quanto a bollette da pagare, perché si tratta spesso di palazzine degli anni Sessanta e Settanta che sono un colabrodo dal punto di vista energetico".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il consigliere della Lega lamenta anche uno "scostamento" tra gli annunci della Giunta e l'efficacia dei provvedimenti. "L'impegno della Giunta- ha detto- dev'essere mettere mano alla legge datata che regola gli alloggi popolari per arrivare ad ammodernare e mettere a disposizione i 6.500 alloggi pubblici a livello regionale. Su questo tema, quindi, serve maggiore sobrietà e serietà". (Red/ Dire) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Coronavirus, altri 4 studenti positivi in 4 scuole: 78 in quarantena

  • Pianoro, morto il 17enne coinvolto nell'incidente auto-moto

  • Covid, tre positivi in due istituti scolastici di Bologna. Una classe del Liceo Righi in quarantena

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Covid, 3 studenti positivi a Castello D’Argile e a Bologna: coinvolte 49 persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento